fbpx

Alimentazione in presenza di diverticoli

I diverticoli sono delle escrescenze, delle piccole sacche che crescono lungo il colon, ovvero la parte finale dell’intestino.

La causa principale dello sviluppo dei diverticoli è dovuta ad un aumento di pressione all’interno dell’intestino e da un’alterazione della motilità intestinale; l’aumento locale della pressione determina una fuoriuscita della mucosa nei punti più deboli della tonaca muscolare dell’intestino, con la conseguente formazione delle sacche. La stipsi e la mancanza di esercizio fisico possono aumentare il rischio di formazione dei diverticoli.

Nella maggior parte dei casi la presenza di diverticoli non causa nessun disagio, può capitare a volte però che si manifestino dolori e bruciori, stitichezza, gonfiori.

Consigli nutrizionali

Nell’alimentazione in presenza di diverticoli è consigliabile:

  • limitare il consumo di bevande che irritano la mucosa intestinale quali vino e birra (massimo un bicchiere al giorno, meglio anche niente), tè (deteinato va bene) e caffè (decaffeinato va bene);
  • eliminare/limitare il cioccolato;
  • eliminare alimenti molto grassi (come formaggi grassi, insaccati);
  • preferire piatti semplici, poco elaborati e ben cotti;
  • eliminare i cibi fritti;
  • preferire metodi di cottura leggeri come: vapore, microonde, piastra;
  • evitare i bolliti di carne;
  • limitare alimenti che possono provocare meteorismo: frappè, chewingum, bevande gassate, maionese, panna montata;
  • limitare il consumo di latticini, possono essere assunti latticini a ridotto contenuto di lattosio, quali lo yogurt e alcuni formaggi;
  • evitare verdure con fibre molto dure e filamentose (finocchi, carciofi, fagiolini, ecc.): se si desidera assumerli, andrebbero consumati sminuzzati o centrifugati o cotti e passati al setaccio. Per la scelta valutare la tollerabilità individuale, tuttavia, poiché è importante anche la capacità delle verdure di trattenere acqua per aumentare il volume delle feci, sono molto utili lattuga, radicchio, sedano e carote, zucchine e cipolle (ricche di inulina). Bene anche i centrifugati di verdura. Da evitare asparagi, cavolfiore, carciofi, funghi, broccoli, melanzane e cicoria;
  • evitare i semi: se non ben masticati e digeriti possono andare ad annidarsi all’interno di un diverticolo, causando un’infiammazione. Quindi alimenti come lenticchie, semi di girasole, semi di sesamo, zucca o altro vanno evitati:
  • fare attenzione anche alla frutta e verdura contenenti semini (per es. melanzane, pomodori, kiwi, fichi, cocomero, frutti di bosco, fragole) che possono depositarsi con maggior facilità nel diverticolo;
  • consumare ogni giorno tre frutti, della dimensione del proprio pugno. Preferire mele (contenenti pectina), pere, banane (ricche di inulina). La frutta va consumata cruda preferibilmente senza buccia, meglio centrifugata, e ben masticata.
  • assumere la fibra in maniera graduale fino al raggiungimento delle dosi giornaliere consigliate. Dopo la fase acuta introdurre progressivamente la verdura iniziando con piccole quantità, e secondo la tolleranza individuale;
  • idratarsi a sufficienza: bere almeno 2 litri di acqua al giorno;
  • fare cinque pasti al giorno mantenendo una certa regolarità sugli orari;
  • alternare i cereali raffinati (pane, pasta, riso…) con gli analoghi integrali.

Durante la fase infiammatoria, quindi in presenza di diverticolite, le raccomandazioni dietetiche cambiano: è bene rivolgersi al proprio medico.

Questi accorgimenti non devono essere considerati sostitutivi delle indicazioni del Medico. Per una dieta personalizzata si consiglia di consultare il Nutrizionista.

Recensioni

Giulia Zanforlin
Giulia Zanforlin

5 out of 5 stars

posted 1 month ago

Esperienza ottima.
Sono seguita da circa 7 mesi dalla dott.ssa Terranova, la quale si è dimostrata, fin da subito, professionale, disponibile e attenta alle mie caratteristiche. Con il piano da lei studiato e con una buona attività fisica, posso dire di aver già raggiunto l'obiettivo che mi ero prefissata.
Posso affermare di essere pienamente soddisfatta.

Annalisa Ruggiero
Annalisa Ruggiero

5 out of 5 stars

posted 2 months ago

Sono seguita da quasi sei mesi dalla dottoressa Terranova perchè avevo bisogno di perdere un po' di peso. Ho trovato alta professionalità e competenza,piena disponibilità e attenzione,nonchè risposte adeguate a tutti i dubbi. La dieta è stata facile da seguire perchè strutturata sulle mie caratteristiche e preferenze alimentari. Abbinandola ad una regolare attività fisica ho già raggiunto l'obiettivo che mi ero prefissa e sono passata al mantenimento. Sono decisamente soddisfatta del percorso intrapreso e ringrazio moltissimo la Dottoressa Terranova

Go Top