fbpx

Alimentazione per allergia al Nichel

Si parla di allergia da contatto al nichel in presenza di sintomi cutanei che si manifestano a seguito del contatto tra il metallo e la pelle del soggetto sensibile; esiste poi una seconda forma di reazione verso la molecola, dovuta al suo consumo alimentare, responsabile di sintomi gastrointestinali.

L’allergia sistemica al nichel è molto personale e gli alimenti che si possono assumere o che bisogna evitare cambiano non solo da persona a persona ma anche in base al periodo in cui lo stesso allergico sta assumendo farmaci o integratori per disintossicarsi dal nichel. Concordare la dieta con un biologo nutrizionista risulta quindi fondamentale.

L’assorbimento di nichel a livello intestinale può essere alterato in particolari condizioni:

– la vitamina C, il succo di agrumi, il latte, un buon apporto di ferro possono ridurre l’assorbimento di nichel;

– una condizione di carenza di ferro o di anemia, la gravidanza e l’allattamento determinano un netto aumento dell’assorbimento di nichel.

Consigli comportamentali:

  • Ridurre al minimo gli alimenti contenenti nichel / controllare gli alimenti che contengono nichel per capire cosa non assumere, soprattutto se si sta facendo una dieta disintossicante dai metalli pesanti.
  • Evitare integratori contenenti nichel.
  • Evitare alimenti in contenitori metallici che possono liberare nichel nel cibo.
  • Scegliere pentole, padelle, tegami, utensili da cucina e posate senza nichel per cucinare, preparare e consumare i pasti. Utilizzare preferibilmente pentole in vetro o ceramica.
  • Non cucinare al cartoccio, così come è preferibile non usare l’alluminio per avvolgere i cibi.
  • Usare la carta da forno per rivestire eventuali padelle in ghisa.
  • Evitare di bere la prima quantità di acqua che fuoriesce dal rubinetto (soprattutto dopo la notte) perché le tubature potrebbero contenere tracce di questo metallo pesante. L’acqua più sicura e con poche o nessuna traccia di nichel è quella acquistata in bottiglia.
  • Chi soffre da dermatiti da contatto deve evitare di indossare gioielli che contengono nichel e deve porre particolare attenzione alla bigiotteria.
  • Evitare il contatto della pelle con le parti metalliche degli indumenti come le cerniere e i bottoni.
  • Attenzione alle tinture per capelli “fai da te” e agli smalti, spesso contenenti nichel.
  • Leggere le etichette dei prodotti come creme e saponi: alcune linee specifiche hanno eliminato il nichel dal ciclo produttivo. Tuttavia, quando si prova un prodotto nuovo è sempre meglio fare un piccolo test in una zona poco esposta.
  • Non fumare: fumando il nichel viene a contatto con la bocca, ma anche con l’apparato respiratorio ed in breve tempo con tutto il circolo sanguigno.

La diagnosi di allergia al nichel richiede una diagnosi medica: sono assolutamente da evitare le diagnosi “fai da te”.

Questi accorgimenti non devono essere considerati sostitutivi delle indicazioni del Medico. Per una dieta personalizzata si consiglia di consultare il Nutrizionista.

Recensioni

Monica Romito
Monica Romito

5 out of 5 stars

posted 3 months ago

Ho intrapreso il mio percorso alimentare con la Dott.ssa Nicoletta Cecchetti e posso dire di essere pienamente soddisfatta. Per la prima volta sento di non seguire solo una dieta, ma di aver trovato uno stile di vita. Ho ottenuto risultati molto positivi senza tagli troppo drastici, senza sacrifici insostenibili e sono felice. La Dottoressa è gentilissima, disponibile, chiara nelle spiegazioni e sempre presente. Grazie per guidarmi in questa rinascita!

Luca Gobbato
Luca Gobbato

5 out of 5 stars

posted 2 months ago

Dopo una vita di inutili e dannose diete dimagranti (spesso fai da te), basate su restrizioni e privazioni alimentari, con inevitabili sofferenze e nervosismi, ho avuto la fortuna di conoscere la Dott.ssa Jessica Terranova di Nutrizione Sana, una professionista molto preparata, capace e comprensiva.
Con Lei ho iniziato un “Percorso” che mi sta cambiando la vita (per il momento ho perso 14kg ed aumentato il Ben-Essere). Un percorso che non riguarda solo l’alimentazione ma anche lo stile di vita.
Il tutto è iniziato con un piacevole colloquio e la stesura del “Piano alimentare” personalizzato studiato tenendo conto dei miei gusti. Voglio evidenziare che il piano alimentare non è una “semplice dieta”. Posso affermare che nel frattempo non ho mai sofferto la fame … mai fatto un sacrificio!
Durante gli incontri periodici, oltre che ai vari controlli ed eventuali aggiustamenti, mi ha insegnato a come nutrirmi correttamente, e dato preziosi consigli su come migliorare il mio “stile di vita”.
Se anche non ho ancora finito il percorso, sento che posso raggiungere l’obiettivo finale che, a questo punto, non è più “il solo arrivare al peso forma (e mantenerlo)”, ma di godere della vita nel Benessere con uno stile di vita più attivo.
Sono molto soddisfatto del percorso fin qui fatto, e lo consiglio vivamente a tutti quelli che necessitano di cambiare regime alimentare e stile di vita per vivere meglio e in salute.

Go Top