fbpx

Alimentazione per intolleranza al lattosio

L’intolleranza al lattosio è una condizione comune causata da un deficit dell’enzima lattasi, prodotto dalla mucosa del tenue, che permette la digestione del lattosio, e determina unmalassorbimento.

A causa di tale carenza, quando il soggetto intollerante assume quantità significative di alimenti contenenti lattosio, la quota di zucchero sfuggita alla digestione richiama liquidi nell’intestino per effetto osmotico e genera gas per intervento fermentativo della flora batterica locale. 

Infografica tratta dal portale www.lattosiono.it – associati a www.associazioneaili.it

Sintomi e diagnosi

I sintomi includono dolore addominale, gonfiore, diarrea e flatulenza

L’intolleranza può essere facilmente diagnosticata e trattata con semplici misure dietetiche. Il test utilizzato per fare diagnosi di intolleranza al lattosio è il breath test (H2 Breath Test). 

Alimenti contenenti lattosio

Il lattosio è il principale zucchero presente nel latte; di conseguenza, lo ritroviamo in concentrazioni variabili in tutti gli alimenti da esso derivati o che lo contengono come ingrediente. Le concentrazioni maggiori di lattosio si registrano nel latte e nei latti fermentati, nei gelati, nei formaggi molli e nel burro.

Al di là dell’uso comune, il latte viene utilizzato spesso a livello industriale. Gli individui fortemente intolleranti al lattosio devono prestare particolare attenzione anche alle fonti alimentari per così dire “nascoste“. Questo zucchero viene infatti addizionato come eccipiente a farmaci ed integratori vari, e si ritrova – seppur in piccole quantità – in diversi prodotti alimentari.

Bisogna porre quindi particolare attenzione alle etichette, scartando quelle in cui si incontrano termini quali: “caseina”, “caseinato di calcio”, “lattosio”, “proteine del latte”, “lattoglobulina”, “siero di latte”, “lattoalbumina”, ecc. 

È comunque d’obbligo fare attenzione in particolare ai seguenti alimenti: 

  • Latte, formaggi freschi e semi-stagionati, formaggini da spalmare
  • Panna (fresca da montare, montata e da cucina), besciamelle
  • Burro e margarine
  • Pane ed altri prodotti da forno
  • Preparati per biscotti e dolci
  • Biscotti per l’infanzia, farine lattee per l’infanzia, omogeneizzati
  • Cereali trasformati, come i corn flakes per la prima colazione 
  • Patate precotte
  • Minestre
  • Bevande per prima colazione
  • Bibite e succhi di frutta
  • Carne e salumi (prosciutto cotto, salame, mortadella, salsiccia, würstel…)
  • Condimenti per insalate
  • Salse, condimenti e piatti già pronti (ragù, purè, ecc.)
  • Caramelle
  • Merendine ed altri snack
  • Gelati e frappè
  • Cioccolato e preparati per cioccolata calda
  • Liquori cremosi
  • Prodotti dietetici e vitaminici, alcuni integratori e farmaci e pasti sostitutivi

Lo yogurt è spesso meglio tollerato perché il lattosio è parzialmente idrolizzato da batteri, così come alcuni tipi di latte fermentato.

Raccomandazioni dietetiche

In caso di severa intolleranza verso questo zucchero tipico del latte, il consumo esclusivo di alimenti senza lattosio appare una scelta obbligata. 

Normalmente, il soggetto intollerante al lattosio sopporta il consumo di formaggi a pasta dura, perché particolarmente poveri di questo zucchero rispetto a quelli freschi ed ai latticini. Anche lo yogurt è tollerato da alcuni individui, dato che il lattosio in esso contenuto viene predigerito dai batteri; inoltre, gli stessi lattobacilli – in particolare alcuni ceppi probiotici contenuti in vari prodotti a base di latte fermentato (Lactobacillus Acidophilus, Lactobacillus Casei, sp. rhamnosum, Lactobacillus johnsonii) – si sono dimostrati utili nel migliorare l’intolleranza al lattosio. 

Gli alimenti generalmente consentiti sono:

  • Formaggi stagionati 
  • Bevande vegetali
  • Pane semplice bianco o integrale, pasta, riso e altri cereali
  • Legumi secchi
  • Carne e pesce
  • Uova

Le raccomandazioni dietetiche per l’intolleranza al lattosio variano da individuo a individuo, secondo il grado di tolleranza.

Questi accorgimenti non devono essere considerati sostitutivi delle indicazioni del Medico. Per una dieta personalizzata si consiglia di consultare il Nutrizionista.

Recensioni

Monica Romito
Monica Romito

5 out of 5 stars

posted 3 weeks ago

Ho intrapreso il mio percorso alimentare con la Dott.ssa Nicoletta Cecchetti e posso dire di essere pienamente soddisfatta. Per la prima volta sento di non seguire solo una dieta, ma di aver trovato uno stile di vita. Ho ottenuto risultati molto positivi senza tagli troppo drastici, senza sacrifici insostenibili e sono felice. La Dottoressa è gentilissima, disponibile, chiara nelle spiegazioni e sempre presente. Grazie per guidarmi in questa rinascita!

monia  zambon
monia zambon

5 out of 5 stars

posted 3 weeks ago

Mi sto trovando benissimo, la dottoressa Francesca Ballin è molto gentile e disponibile.. Per qualsiasi dubbio mi ha dato il suo sostegno mi sono sentita veramente a mio agio e mi sta aiutando in questo percorso , essendo vegetariana sbagliavo certi abbinamenti.. Lei mi ha indicato un piano alimentare specifico per le mie esigenze , e allo stesso tempo molto facile da seguire , felice di avere scelto un esperta in nutrizione La consiglio vivamente!!

Go Top