fbpx
DIeta per anemie

Tabella dei Contenuti

Anemia e ferro

Il ferro è uno degli elementi più importanti per la nostra vita, è un macroelemento, cioè uno dei minerali presenti nell’organismo in quantità più elevate. Non potremmo vivere in sua assenza, infatti il ferro è un componente fondamentale dell’emoglobina, la proteina che trasporta l’ossigeno dai polmoni al resto del corpo, e della mioglobina, la proteina che rifornisce di ossigeno i muscoli, ma non solo.
Questo minerale partecipa anche all’attività di molti enzimi e l’organismo ne ha bisogno per produrre alcuni ormoni e il tessuto connettivo.

La carenza di ferro determina la cosiddetta anemia sideropenica, che può portare a un indebolimento generale dell’organismo, influendo negativamente sui sistemi immunitario, di termoregolazione, di neurotrasmissione cerebrale, nonché sulla crescita dei capelli e delle unghie. L’assorbimento del ferro è modulato da alcuni fattori, fra cui la forma chimica e il contenuto di Fe negli alimenti e la sua disponibilità a livello intestinale, da qui l’importanza di avere un buon microbiota intestinale.

Che cos’è l’anemia da carenza di vitamine?

Le anemie da carenza di vitamine sono caratterizzate da una ridotta produzione di globuli rossi a causa di una deficienza vitaminica. Le vitamine coinvolte sono la vitamina B12, l’acido folico (folati) e la vitamina C.

Le cause delle anemie da carenza di vitamina B12 sono il mancato assorbimento di questi nutrienti fondamentali alla produzione di globuli rossi sani. L’anemia da carenza di B12 nella maggior parte dei casi è dovuta alla mancanza del fattore intrinseco, una proteina prodotta dalla mucosa gastrica che permette l’assorbimento della vitamina. La sua distruzione nel 90% dei casi è dovuta a meccanismi autoimmuni.

I vegetariani spesso riportano deficit di Vitamina B12 non mangiando carne e pesce per questo ne è richiesta l’integrazione .
La carenza di acido folico, presente principalmente nella frutta e nelle verdure a foglia verde, deriva da un’alimentazione poco ricca di questa vitamina. Le persone sottoposte a dialisi e le donne in gravidanza o che allattano hanno un aumento della domanda di folati. In alcuni casi si può prevenire la carenza di folati, in accordo con il medico curante, mediante il consumo di integratori. L’acido folico riveste inoltre un ruolo molto importante anche nel trattamento della sindrome dell’ovaio policistico (PCOS).

L’abuso di alcolici e l’uso di alcuni farmaci (antiulcera) possono interferire con l’assorbimento di acido folico.

ragazza a letto con vari sintomi di malessere a causa dell'anemia

Anemia da carenza di vitamine: sintomi

I sintomi da carenza di vitamine includono estremo affaticamento e debolezza, pallore, irritabilità, mal di testa, insonnia, fiato corto, vertigini, ritmo cardiaco irregolare, confusione mentale.

Come prevenire l’anemia da carenza di vitamine?

La prevenzione dell’anemia da carenza di vitamine si può ottenere con una dieta varia che comprenda alimenti ricchi di vitamine, per la maggior parte frutta, verdura e cereali integrali. In particolare, cibi ricchi di folati sono le verdure a foglia verde e la frutta secca. La vitamina B12 è presente in maggiori quantità in latte, latticini e yogurt, carni rosse e bianche, crostacei. Per quanto riguarda la vitamina C abbiamo già elencato sopra gli alimenti che la contengono.

Perché affidarsi a noi per l'alimentazione in caso di anemia e carenza di mineali è vantaggioso?

logo nutrizione sana biologi nutrizionisti

Offriamo un servizio specialistico e personalizzato ad un prezzo conveniente..

Seguendo i nostri percorsi alimentari non avvertirai il senso di fame perché avrai a tua disposizione tutti i nutrienti di cui hai bisogno.

Mettiamo gratuitamente a tua disposizione centinaia di ricette gustose e salutari che potrai consultare anche quando avrai terminato il tuo percorso.

I nostri piani alimentari sono fortemente personalizzati per assecondare i tuoi gusti e potrai riscoprire il piacere di mangiare in modo sano e nutriente.

Le nostre prestazioni rientrano nel novero delle prestazioni sanitarie detraibili.

Alimentazione per anemia e carenza di minerali

La carenza di ferro nell’organismo, prima di ricorrere agli integratori, può essere risolta intervenendo sulla dieta, consumando alimenti che contengono ferro. Negli alimenti, il ferro si può trovare come:

ferro emico che viene assorbito velocemente, in elevate percentuali ed è contenuto negli alimenti di origine animale;

ferro non emico il cui assorbimento equivale a circa il 10% del contenuto dell’alimento ed è contenuto nei vegetali.

La vitamina C migliora l’assorbimento del ferro: è buona abitudine quella di aggiungere succo di limone sugli alimenti comprese le verdure o aggiungerlo all’acqua che si beve al pasto, per facilitare la trasformazione del ferro a livello gastrico nella forma più assorbibile.

Alimenti di origine animale

L’alimento di origine animale più ricco di ferro è il fegato e le frattaglie in genere, ricche anche di colesterolo e pertanto sconsigliate nella dieta di chi soffre di dislipidemia o malattie cardiovascolari.

Le carni bovine, di cavallo e di faraona, ma anche pollo, tacchino, agnello e maiale sono gli alimenti più ricchi di ferro facilmente assorbibile dall’organismo.

Ricchi di ferro anche i molluschi e i crostacei, le acciughe e il baccalà, ma anche scorfano, pagello, sarda, spigola, trota e tonno.

Alimenti di origine vegetale

Per quanto riguarda gli alimenti di origine vegetale, una buona fonte di ferro anche se in forma poco assorbibile sono i fagioli, i ceci, le lenticchie e i lupini. Anche i semi di zucca crudi, la quinoa e il cioccolato fondente sono ricchi di ferro. Bisogna tenere presente però che negli alimenti di origine vegetale sono presenti sostanze come fitati e ossalati che impediscono ulteriormente un congruo assorbimento di ferro: è il caso per esempio di cacao, cereali integrali, spinaci e legumi.

Verdura e frutta

Sono ricche di ferro soprattutto le verdure a foglia verde come spinaci, biete, cicoria e lattuga. Pomodori, peperoni, broccoli, cavoli, contengono ferro, ma sono soprattutto ricchi di vitamina C, utile per il suo assorbimento. Altri frutti ricchi di vitamina C, come agrumi, ribes, succo d’uva e uva secca, kiwi, sono indispensabili nella dieta per facilitare l’assorbimento del ferro. Il consumo di spremute fresche di agrumi e l’utilizzo del succo di limone come condimento per insalate, pesce e carni è caldamente raccomandato dai dietisti.
Nocciole, pistacchi, mandorle e, soprattutto noci, oltre ad altre importanti proprietà, contengono ferro. Anche il tofu (derivato della soia) è una grande fonte di proteine e di ferro.

Attenzione ad alcuni alimenti

È importante sapere che alcuni alimenti non devono essere assunti insieme a quelli ricchi di ferro, in quanto potrebbero ostacolarne l’assorbimento. In particolare i latticini, per il loro elevato contenuto di calcio, il cioccolato, il tè e il caffè andrebbero consumati lontano dai pasti.

Il nostro team di nutrizionisti ha le migliori recensioni!
Migliaia di persone si sono già rivolte a noi per seguire un menu settimanale nutrizionista su misura.
scialpi Sara Scialpi
Sara Scialpi
12/09/2021
post originale

La mia nutrizionista è Anna Volpin! Che dire ho iniziato questo percorso pensando di non potercela fare, lei è riuscita a mettermi a mio agio, andare ai controlli per me è come andare a fare una chiacchiera con una amica! È fantastica! Se ho bisogno di qualcosa lei c’è! Ho avuto dei grandi risultati, il percorso sicuramente non è finito qua, ci sono stai alti e bassi ma non mi ha mai fatto sentire sbagliata! Anzi! Tornassi indietro sceglierei lei 1000 volte! Grazie ❤️❤️

morandin Giulia Morandin
Giulia Morandin
29/07/2022
post originale

Sono stata seguita dalla Dott.ssa Jessica Terranova che mi ha aiutata a rientrare in forma dopo la mia seconda gravidanza in tempo record senza troppe rinunce o sacrifici (in due mesi sono tornata al peso forma pre prima gravidanza che avevo raggiunto dopo un anno e mezzo dopo il primo bimbo). Mi ha aiutata a capire come abbinare gli alimenti per trovare un equilibrio alimentare durante tutti i pasti della giornata. Sempre disponibile mi ha dato diversi suggerimenti per variare la dieta ma anche per ottimizzare i tempi in un periodo in cui noi donne facciamo fatica ad avere del tempo per noi. Consigliatissima!

Z
Zeudi
03/09/20022
post originale

Mi sono rivolta a Nutrizione Sana per perdere peso, è un'esperienza più che positiva, da maggio ad agosto ho perso 11 kg. A seguirmi è la dott.ssa Jessica Terranova, che mi ha permesso tramite un piano alimentare cucito su misura di eliminare le cattive abitudini, senza privazioni, ma attuando una rieducazione alimentare. Il mio percorso non è ancora terminato, ma ringrazio la dott.ssa Terranova visto la sua professionalità, sempre pronta ad ascoltarti e consigliarti .

N
Nico Bren
01/07/2023
post originale

Buongiorno, mi sono rivolta al team di Nutrizione Sana per perdere qualche chilo preso in menopausa e sono seguita dalla dr.ssa Marta Maerini. Il piano alimentare che mi è stato assegnato segue i miei gusti ed è stato piuttosto semplice da seguire. La dottoressa si è dimostrata sempre disponibile all'ascolto, consigliandomi al meglio per affrontare questo periodo della mia vita. Grazie ancora

lovison Alessandra Lovison
Alessandra Lovison
04/08/2021
post originale

Devo assolutamente dire la mia a riguardo..dopo anni di indecisione, kg che non scendevano, stress e vari altri fattori mi sono rivolta a Nutrizione Sana e sono stata accolta dalla dottoressa Cancian..mi ha messa subito a mio agio e mi ha letteralmente sommersa di domande, cosa assolutamente positiva in quanto le ha permesso di cucirmi una dieta letteralmente su misura in ogni singolo particolare.. Il mio percorso è ancora lungo ma al momento, dopo circa un mese che seguo la dieta vedo già 2kg in meno..finalmente posso dire che sto cominciando ad avere risultati concreti in grado di motivarmi a fare sempre meglio

OGGI SIAMO APERTI dalle 9:00 alle 20:00. CONTATTACI al 392 11 00 950
This is default text for notification bar