fbpx

Alimentazione per allergia al nichel

alimentazione per allergia al nichel

Tabella dei Contenuti

Allergia al Nichel

Si parla di allergia al nichel da contatto in presenza di sintomi cutanei che si manifestano a seguito del contatto tra il metallo e la pelle del soggetto sensibile; esiste poi una seconda forma di reazione verso la molecola, dovuta al suo consumo alimentare, responsabile di sintomi gastrointestinali.

L’allergia sistemica al nichel è molto personale e gli alimenti che si possono assumere o che bisogna evitare cambiano non solo da persona a persona ma anche in base al periodo in cui lo stesso allergico sta assumendo farmaci o integratori per disintossicarsi dal nichel. Concordare la dieta con un biologo nutrizionista risulta quindi fondamentale.

L’assorbimento di nichel a livello intestinale può essere alterato in particolari condizioni:

– la vitamina C, il succo di agrumi, il latte, un buon apporto di ferro possono ridurre l’assorbimento di nichel;

– una condizione di carenza di ferro o di anemia, la gravidanza e l’allattamento determinano un netto aumento dell’assorbimento di nichel.

Allergia al Nichel: sintomi

Nel caso di allergia al nichel, i sintomi sono la dermatite da contatto se la reazione avviene a livello cutaneo: gonfiore, vesciche, prurito, arrossamenti dove la pelle è stata a contatto con il nichel.

Altri sintomi di allergia al nichel sono problemi respiratori e tosse dopo essere stati esposti al nichel, dolori addominali, nausea e vomito con il consumo di alimenti che contengono nichel.

Le reazioni più gravi, come gonfiore al viso, difficoltà respiratorie e shock anafilattico, sono molto rare e necessitano di trattamenti medici tempestivi.

Allergia al Nichel: sintomi gastrointestinali

Se si soffre di allergia al nichel, i sintomi gastrointestinali sono nausea, vomito, diarrea, dolori addominali, gonfiore e si manifestano quando la persona assume alimenti e bevande che contengono nichel.

Se il consumo di alimenti e bevande è continuo, il sistema immunitario della persona allergica al nichel reagisce con sintomi gastrointestinali insistenti ed infiammazioni croniche.

ragazza che soffre di sintomi gastrointestinali da allergia al nichel

Perché affidarsi a noi per la dieta per l'allergia al nichel è vantaggioso?

logo nutrizione sana biologi nutrizionisti

Offriamo un servizio specialistico e personalizzato ad un prezzo conveniente..

Seguendo i nostri percorsi alimentari non avvertirai il senso di fame perché avrai a tua disposizione tutti i nutrienti di cui hai bisogno.

Mettiamo gratuitamente a tua disposizione centinaia di ricette gustose e salutari che potrai consultare anche quando avrai terminato il tuo percorso.

I nostri piani alimentari sono fortemente personalizzati per assecondare i tuoi gusti e potrai riscoprire il piacere di mangiare in modo sano e nutriente.

Le nostre prestazioni rientrano nel novero delle prestazioni sanitarie detraibili.

Consigli comportamentali per allergia al nichel

donna che controllare le etichette alimentari, importante controllare le etichette se si soffre di allergia al nichelRidurre al minimo gli alimenti che contengono nichel controllando l’etichetta degli ingredienti, soprattutto nel caso in cui si stia facendo una dieta disintossicante dai metalli pesanti contro l’allergia al nichel.

 

Gli integratori contengono quantità significative di nichel, non sempre indicati sulla confezione. Si consiglia di consultare il medico ed il nutrizionista per indicare i più adatti per chi soffre di allergia al nichel.

ragazza che compra utensili da cucina senza nichel per chi soffre di allergia al nichel. Gli utensili da cucina, le pentole, le posate ed i contenitori per alimenti se contengono nichel potrebbero rilasciarlo nel cibo

Gli utensili da cucina, le pentole, le posate ed i contenitori per alimenti se contengono nichel potrebbero rilasciarlo nel cibo e creare una reazione per coloro che soffrono di allergia al nichel.

Scegliere invece prodotti per la cucina di plastica, silicone, vetro e ceramica.

La carta stagnola e l’alluminio possono contenere nichel, come anche altri tipi di pellicole alimentari da cucina.
Se si soffre di allergia al nichel, scegliere altri tipi di cottura con utensili da cucina privi da nichel e sicuri. Ricordarsi anche di non avvolgere gli alimenti in alluminio perché potrebbe contaminarsi di nichel. 

Utilizzare la carta forno per rivestire le padelle in ghisa in quanto evita la contaminazione da nichel

Accertarsi che la carta forno non contenga nichel oppure utilizzare in alternativa tessuti in cotone, lino, olio vegetale e burro per rivestire la pentola se si soffre di allergia al nichel.

donna che beve acqua dalla bottiglia, evitare l'acqua dal rubinetto se si soffre di allergia al nichel

Evitare di bere la prima quantità di acqua che fuoriesce dal rubinetto, soprattutto dopo la notte, perché le tubature potrebbero contenere tracce di questo metallo pesante. L’acqua più sicura e con poche o nessuna traccia di nichel è quella acquistata in bottiglia se soffre di allergia l nichel.

Evitare il contatto della pelle con le parti metalliche degli indumenti come le cerniere e i bottoni se si ha l’allergia al nichel. Scegliere capi privi di nichel oppure utilizzare tessuti più naturali come lino e seta.

Chi soffre da dermatiti per allergia al nichel da contatto, si deve evitare di indossare gioielli perché il nichel è un prodotto comune nella loro produzione. Scegliere i gioielli indicati come privi di nichel e metalli contenenti nichel, optare per materiali ipoallergenici e sicuri. 

donna che si fa tinta fai da te in casa, attenzione alle tinture per capelli “fai da te” e agli smalti se si soffre di allergia al nichel

Attenzione alle tinture per capelli “fai da te” e agli smalti, spesso contenenti nichel che può provocare reazione a chi soffre di allergia al nichel. Esistono sul mercato prodotti indicati come privi di nichel da etichetta, altrimenti si consiglia di optare per prodotti naturali, che non contengono alcun tipo di metallo.

donna che controlla etichetta del sapone al supermercato, importante per allergia al nichel

Leggere le etichette dei prodotti come creme e saponi, infatti alcune linee specifiche hanno eliminato il nichel dal ciclo produttivo. Tuttavia, quando si prova un prodotto nuovo è sempre meglio fare un piccolo test in una zona poco esposta se si soffre di allergia al nichel da contatto.

ragazzi che fumano, non fumare se si soffre di allergia al nichel

Quando si fuma, il nichel viene a contatto con la bocca, ma anche con l’apparato respiratorio ed in breve tempo con tutto il circolo sanguigno.
Il fumo di sigaretta aumenta anche la sensibilità al nichel e peggiora i sintomi di allergia al nichel, in quanto contiene sostanze tossiche ed irritanti che rendono sensibili la pelle ed il sistema immunitario.

Allergia al nichel: alimenti

Gli alimenti che contengono nichel sono:

Legumi, come lenticchie e piselli.

Cereali integrali, come il grano e l’avena.

Frutti di mare, tutti i crostacei ed alcuni pesci come lo sgombro.

Verdura a foglia verde, come la lattuga e gli spinaci.

Funghi.

Frutta secca, come gli arachidi ed le noci.

Semi, come quelli di girasole e di zucca.

Cacao in polvere e cioccolato.

Tè, in particolare il tè nero, ed il caffè.

– Alimenti fermentati, come i formaggi, birra e vino.

Dieta per allergia al nichel

Allergia al nichel: cosa mangiare

Seguire una dieta priva di nichel è molto impegnativo a causa dell’ampia varietà di alimenti che lo contengono o che ne sono contaminati.

Se si soffre di allergia al nichel, si consiglia di mangiare alimenti che ne contengano un basso livello: carne, pesci freschi ad esclusione dei crostacei, uova, latticini freschi, riso e patate; verdure come carote, cetrioli e zucchine; frutta con poco acido citrico come mele, banane e pesche.

Prestare attenzione anche alla presenza di nichel nell’acqua e negli utensili da cucina.

Allergia al nichel: cosa non mangiare

Se si soffre di allergia al nichel, si consiglia di evitare gli alimenti che ne contengono alti livelli: la frutta secca, i semi, il cioccolato, il cacao, cereali integrali e legumi; i crostacei ed alcuni pesci come il tonno e le sardine.

Evitare anche gli alimenti in scatola perché la confezione è composta dal nichel e ne contamina il contenuto.

Gli alimenti fermentati contengono maggiore quantità di nichel e si segnalano i formaggi fermentati, il vino e la birra.

É da tenere in considerazione la propria sensibilità specifica, individuando quali alimenti scatenano le reazioni ed evitandoli.

La diagnosi di allergia al nichel richiede una diagnosi medica: sono assolutamente da evitare le diagnosi “fai da te”.

Questi accorgimenti non devono essere considerati sostitutivi delle indicazioni del Medico. Per una dieta personalizzata si consiglia di consultare il Nutrizionista.

Intolleranza al nichel

L’intolleranza al nichel è spesso confusa con l’allergia, ma a differenza di quest’ultima non ha una risposta immunologica.

I sintomi dell’intolleranza al nichel sono simili all’allergia: le più comuni dermatiti da contatto con oggetti che contengono nichel, sintomi gastrointestinali con il consumo di alimenti contenenti o contaminati di nichel.

Come per l’allergia, è importante consultare un medico per la diagnosi e limitare il più possibile il contatto con oggetti composti da nichel e alimenti contenenti alti livelli di nichel.

mani affette da dermatite, uno dei sintomi dell'intolleranza al nichel e dell'allergia al nichel
Il nostro team di nutrizionisti ha le migliori recensioni!
Migliaia di persone si sono già rivolte a noi per seguire un menu settimanale nutrizionista su misura.
Martina Gallana
09/02/2022
post originale

Dopo anni di tentativi con diete di vario genere ho deciso di rivolgermi a Nutrizione Sana e sono stata affidata alla dottoressa Giada Dal Corso. Dal punto di vista del percorso intrapreso i risultati sono arrivati dopo brevissimo tempo, grazie ad un piano alimentare studiato apposta per me e per le mie esigenze. Nel giusto tempo ho perso 15kg. Ma è dal punto di vista umano che il percorso con la dottoressa Dal Corso mi ha aiutata di più... Sempre disponibile, sempre attenta alle mie richieste e sempre pronta ad affrontare insieme a me i dubbi e le insicurezze che le confidavo. Insomma mi sono trovata talmente bene che le ho "affidato" anche altri membri della mia famiglia e alcune amiche, tutti soddisfatti. Devo quindi solo che dire GRAZIE a lei per avermi fatto raggiungere il peso che desideravo da anni e soprattutto per essermi stata vicina in questa strada verso una stima di me stessa che avevo perso.

A
Annalisa Ruggiero
12/08/2020
post originale

Sono seguita da quasi sei mesi dalla dottoressa Terranova perchè avevo bisogno di perdere un po' di peso. Ho trovato alta professionalità e competenza,piena disponibilità e attenzione,nonchè risposte adeguate a tutti i dubbi. La dieta è stata facile da seguire perchè strutturata sulle mie caratteristiche e preferenze alimentari. Abbinandola ad una regolare attività fisica ho già raggiunto l'obiettivo che mi ero prefissa e sono passata al mantenimento. Sono decisamente soddisfatta del percorso intrapreso e ringrazio moltissimo la Dottoressa Terranova

G
Giorgia Santoro
1212/2018
post originale

Ho conosciuto la dottoressa Jessica Terranova ad ottobre 2018, in un periodo della mia vita dove mai avrei pensato di poter iniziare un percorso alimentare e soprattutto mai mi sarei aspettata di riuscire a portarlo a termine. Jessica mi ha appoggiata, capita, ascoltata molto. Ha sempre messo le mie esigenze e le mie aspettative in primo piano, senza mai far prevalere le sue conoscenze. Insieme abbiamo creato il piano alimentare adatto a me e con il quale mi sono trovata e mi trovo tutt'ora benissimo. Ho imparato cosa significa mangiare in modo salutare e soprattutto a quali cibi dare la giusta importanza. Non è scontato trovare persone come Jessica, e io posso dire di essere stata davvero davvero fortunata! Consigliatissima 🙂

Vania Furegon
29/04/2021
post originale

Ottimo corso sullo svezzamento tenuto dalla Dott.ssa Jessica Terranova! Ha spiegato perfettamente da quando si può iniziare e ha dato degli ottimi consigli!! Consigliatissimo!!

A
Andrea Friso
27/11/2020
post originale

Mi sono rivolto alla dott.ssa Dal Corso. Ho trovato competenza, comprensione delle varie problematiche, e ottimo rapporto umano. Ora applicherò con impegno le varie indicazioni. Grazie!

FAQ: Domande frequenti al Nutrizionista

No, l’allergia al nichel non comporta un aumento di peso, ma causa diversi sintomi gastrointestinali.

Nel caso di aumento di peso, sono da considerare diversi fattori come l’alimentazione, lo stile di vita e lo sviluppo di alcune patologie.

Per curare l’allergia al nichel, è importante gestirne i sintomi ed evitare il più possibile il contatto con oggetti e alimenti che lo contengano.

Si consiglia di eliminare o evitare il contatto con oggetti contenenti nichel, scegliendo invece oggetti in acciaio inossidabile, oro, titanio o, in alternativa, rivestendo gli oggetti di nichel con una protezione, come una vernice trasparente. Consumare alimenti a basso contenuto di nichel ed utilizzare utensili da cucina privi di nichel per evitare la contaminazione dei cibi.

Per la gestione dei sintomi, il medico prescrive antistaminici se si incorre nella reazione allergica ed altri farmaci per alleviare i sintomi minori.

Attualmente non è possibile togliere l’allergia al nichel perché causata dalla reazione impulsiva del corpo verso una sostanza che ritiene dannosa.

I sintomi dell’allergia sono riducibili in modo drastico, eliminando il contatto con il nichel oppure ricorrendo ad antistaminici.

Per scoprire l’allergia al nichel, bisogna monitorare i sintomi dopo il contatto con oggetti contenenti nichel: si consiglia di tenere nota dei dettagli e della durata dei sintomi, verificando la ricorrenza con cui si presentano. Si può provare ad eliminare per un periodo tutti gli oggetti che contengono nichel e monitorare se si riscontra un miglioramento dei sintomi.

Si consiglia di rivolgersi ad un medico specialista, che dopo un’attenta anamnesi, sottopone il paziente ad analisi del sangue e patch test per diagnosticare l’allergia al nichel.

L’allergia al nichel è provocata dalla risposta del sistema immunitario con la produzione di istamina a causa del contatto con il nichel. L’allergia al nichel si sviluppa dopo una lunga esposizione ad oggetti che contengono nichel, per predisposizione genetica e persiste per l’intera vita.

OGGI SIAMO APERTI dalle 9:00 alle 20:00. CONTATTACI al 392 11 00 950
This is default text for notification bar