fbpx

Dieta a zona

schema dieta a zona

Tabella dei Contenuti

Cosa vuol dire dieta a zona?

La dieta a zona è un regime alimentare che si riferisce di fatto ad un (presunto) stato di equilibrio ormonale in cui l’insulina si trova a essere sempre in una “zona” di equilibrio con i suoi ormoni antagonisti, non si riferisce a zone geografiche o corporee.

La dieta a zona è diventata in voga negli anni 90 grazie a Barry Sears, il quale ha scritto diversi libri divulgativi in merito e l’obiettivo è bilanciare i nutrienti principali per il giusto equilibrio biologico, lavorando su tre aspetti principali:

– In ogni pasto devono essere sempre presenti tutti i macronutrienti secondo un rapporto ben preciso, 30% proteine, 30% grassi e 40% carboidrati.

– I carboidrati devono derivare soprattutto da frutta e verdura.

– Bisogna consumare almeno cinque pasti al giorno.

Come si fa la dieta a zona?

La dieta a zona prevede il calcolo di blocchi da consumare durante la giornata e lo schema del calcolo dei blocchi non lascia molto margine allo sgarro.

Questo schema molto rigido e non personalizzabile vuole la ripartizione dei nutrienti quali proteine, grassi e carboidrati in 30-30-40 per ognuno dei 5 pasti giornalieri. Diventa ovvio che con questo regime alimentare debba essere il soggetto ad adattarsi alla dieta e non viceversa, un aspetto che rende difficile integrare questa dieta nel proprio stile di vita nel lungo periodo.

Il calcolo dei blocchi per la dieta a zona

Per quanto riguarda le famose percentuali indicate per il calcolo dei blocchi della dieta a zona (30-30-40), bisogna anche dire che non è sempre la miglior ripartizione di un piano alimentare anche perché non tutti gli individui hanno bisogno della stessa distribuzione dei macronutrienti. Sarebbe meglio strutturare un piano alimentare partendo dai nutrienti in termini di g/kg peso corporeo piuttosto che in generiche percentuali.

nutrizionista che misura le circonferenze di una donna, importante il calcolo dei blocchi per la dieta a zona
logo nutrizione sana biologi nutrizionisti

Perché affidarsi a noi per una dieta a zona è vantaggioso?

Offriamo un servizio specialistico e personalizzato ad un prezzo conveniente..

Seguendo i nostri percorsi alimentari non avvertirai il senso di fame perché avrai a tua disposizione tutti i nutrienti di cui hai bisogno.

Mettiamo gratuitamente a tua disposizione centinaia di ricette gustose e salutari che potrai consultare anche quando avrai terminato il tuo percorso.

I nostri piani alimentari sono fortemente personalizzati per assecondare i tuoi gusti e potrai riscoprire il piacere di mangiare in modo sano e nutriente.

Le nostre prestazioni rientrano nel novero delle prestazioni sanitarie detraibili.

Cosa mangiare nella dieta a zona?

La dieta a zona si compone di 5 pasti giornalieri, ognuno suddiviso in 40% di carboidrati, 30% di grassi e 30% di proteine.

Le fonti di proteine magre da consumare nella dieta a zona sono la carne, il pesce, i legumi e le uova.

Come fonti di carboidrati si consigliano i frutti di bosco, le bacche, i frutti a basso contenuto di zuccheri, le verdure con pochi amidi come i broccoli e le zucchine; evitare i carboidrati raffinati come pasta e pane, che aumentano il senso di fame e le oscillazioni di zuccheri nel sangue.

I grassi sani da assumere nella dieta a zona sono quelli monoinsaturi, che aiutano a mantenere il livello di sazietà e sono contenuti in olio di oliva, avocado, formaggi magri e burro di arachidi.

Questi accorgimenti non devono essere considerati sostitutivi delle indicazioni del Medico. Per una dieta personalizzata si consiglia di consultare il Nutrizionista.

Si può dimagrire con la dieta a zona?

La dieta a zona funziona e si ottengono i risultati in termini di perdita di peso: il motivo non è la forma magica di Sears, ma il fatto che la dieta proposta prevede una riduzione calorica ed un regime alimentare equilibrato. 

Uno dei pregi indiscutibili della dieta a zona è che non venga eliminato a priori alcun cibo, ma anzi prevede una buona varietà di pietanze. Dall’altra, però, è una dieta molto rigida.

Nonostante la Dieta a Zona presenti dei limiti pratici come il calcolo dei blocchi della dieta a zona da eseguire quotidianamente e l’obbligo di consumare almeno 5 pasti al giorno, presenta anche dei limiti teorici  in quanto le fondamenta teoriche su cui si basa non sono propriamente corrette.

Alla fine dei conti però la dieta a zona innegabilmente funziona. Il dimagrimento avviene perché con la dieta a zona si “nasconde” il deficit calorico senza la percezione del sacrificio. Infatti è una dieta saziante visto l’elevato apporto sia proteico che di grassi ed insegna, tutto sommato, ad avere uno stile di vita equilibrato.

Il giudizio finale è che la dieta a zona rimane una buona dieta, anche se ovviamente si possono anche adottare strategie migliori.

Il nostro team di nutrizionisti ha le migliori recensioni!
Migliaia di persone si sono già rivolte a noi per seguire un menu settimanale nutrizionista su misura.
M
Matteo
10/011/2020
post originale

Consiglio vivamente Nutrizione Sana. Ho avuto il piacere di essere seguito dalla Dott.ssa Ballin, mi ha ascoltato ed ha perfettamente capito quello che volevo e che cercavo, un programma alimentare sano e corretto. Ho perso circa 6 kg in nemmeno due mesi senza il minimo sforzo, solo con un po’ di attenzione.

Alessandro B
16/06/2021
post originale

Sono un paziente della Dott.ssa Jessica Terranova e sono molto entusiasta del percorso intrapreso. Soffro di una steatosi epatica e da diverso tempo i valori delle transaminasi sono alti. Sono partito a Luglio 2020 con un percorso di educazione alimentare, con dei piani alimentari personalizzati che mi hanno portato in pochi mesi non solo a perdere peso, ma a rientrare nei valori delle transaminasi. Consiglio la Dott.ssa per la professionalità e la passione che dimostra per il suo lavoro.

C
Cristian Simionato
26/06/2023
post originale

Io e la mia compagna ci siamo trovati molto bene. Siamo stati seguiti da Federico, che è riuscito a fare una dieta che rispecchiasse le esigenze sia fisiche che di salute di entrambi, facendoci cambiare modo di rapportarci all'alimentazione.

R
Rick
01/12/2023
post originale

Ringrazio la dottoressa Enrica per aver trovato la giusta via per la mia Amica Cistite .. comparsa la prima volta 23 anni fa .. ritorna spesso ma ultimamente una volta al mese e precisamente da gennaio a maggio .. ma con l’inizio della terapia, abbinata all'alimentazione, (meno glutine e lattosio con sgarri purtroppo) non è più tornata .. Grazie Enrica

E
elena zoppè
01/011/2020
post originale

La mia esperienza con Nutrizione Sana è stata molto positiva: da febbraio a settembre sono riuscita a perdere più o meno 11 kg, che era il mio obbiettivo.Sono molto soddisfatta del traguardo che ho raggiunto e ora mi sento molto meglio fisicamente!Sicuramente si tratta di un percorso pieno di sacrifici e nulla si può conquistare senza un impegno costante, ma se sono riuscita a ottenere questo risultato posso solo ringraziare la dott.sa Doriana Magliocca: una professionista davvero molto preparata, gentile e disponibile, che mi ha seguita passo passo, dandomi le linee guida per la dieta, ma che soprattutto mi ha dato un’educazione alimentare che mi servirà a non commettere gli stessi errori in futuro!Il mio risultato è stato così positivo (ed evidente) che già un paio di amici, vedendo il mio esempio, si sono rivolti a Nutrizione Sana, non posso che consigliarvi di farlo anche voi!

FAQ: Domande Frequenti

Per iniziare la dieta a zona, bisogna calcolare il proprio fabbisogno calorico, sulla base di diversi fattori come il sesso, l’età, lo stile di vita.

Le calorie calcolate sono da dividere in 40-30-30: ogni pasto e spuntino deve contenere il 40% di carboidrati, preferibilmente consumando frutta e verdura, il 30% di proteine ed il 30% di grassi, meglio se monoinsaturi. 

Si consiglia di consumare pasti con porzioni più piccole, mangiare ad intervalli regolari e mantenersi idratati durante la giornata.

I blocchi della dieta a zona si calcolano partendo dal fabbisogno calorico giornaliero e dal valore della massa magra: il valore di massa magra va moltiplicato per un indice prestabilito sulla base dello stile di vita e diviso poi per 7 (i grammi di un blocco di proteine); si ottiene così il numero di blocchi giornalieri, ognuno da comporre con 7 grammi di proteine, 9 grammi di carboidrati e 1,5 grammi di grassi.

I chili che si possono perdere con la dieta a zona varia a seconda di diversi fattori, come il peso di partenza, l’età, il sesso, lo stile di vita.

É stato dimostrato da diversi studi che alcuni soggetti riescono a perdere 1-1,5 chili a settimana e tra i 12 e 18 chili in tre mesi seguendo la dieta a zona.

Altri benefici della dieta a zona sono il miglioramento del metabolismo, dei livelli di energia e della concentrazione.

I rischi in cui si può incorrere se si segue la dieta a zona sono carenze nutrizionali, regime alimentare non equilibrato, abitudini alimentari poco salutari, problemi di salute.

L’apporto nutrizionale della dieta a zona non è equilibrato secondo le linee guida delle Organizzazioni Sanitarie e limita il consumo di alcuni gruppi di alimenti senza considerare il fabbisogno nutrizionale della persona.

La dieta a zona è un regime alimentare restrittivo che richiede il dosaggio degli alimenti, che possono causare abitudini alimentari ossessive e disordinate.

La dieta a zona non è sostenibile a lungo termine e comporta una variazione di peso periodica con effetto yo-yo, aumentando il rischio di sviluppo di malattie cardiache e diabete.

OGGI SIAMO APERTI dalle 9:00 alle 20:00. CONTATTACI al 392 11 00 950
This is default text for notification bar