fbpx

Alimentazione per intolleranza alla farina

l'alimentazione per intolleranza alla farina

Tabella dei Contenuti

La farina

L’ingrediente più comune nella cucina nostrana è la farina di frumento: la si ritrova in numerose pietanze caratteristiche del nostro paese, come pasta, pane, pizza, dolci e prodotti da forno.

La farina bianca di frumento (0, 00) è quella che solitamente acquistiamo e che si trova nelle nostre dispense, ma è bene sapere che, a causa del processo di lavorazione, la farina che compriamo viene privata di molte proprietà nutritive: durante il processo di raffinazione, infatti, il chicco di grano viene privato della crusca e della buccia e quello che rimane viene poi schiacciato e sbiancato chimicamente. È dunque importante, se si vuole consumare la farina di frumento, cercare una farina non sbiancata chimicamente e macinata a pietra: in questo caso, infatti, il chicco non viene separato dalla crusca, dalla buccia e dalle sostanze nutritive.
Oltre alla farina di frumento, però, vi sono molti altri tipi di farina, ricchi di proprietà nutritive, che apportano innumerevoli benefici e, in alcuni casi, sono privi di glutine. È possibile trovare alcune di queste farine alternative nei supermercati, oppure nei negozi addetti alla vendita di prodotti biologici.

Cosa provoca l'intolleranza alla farina?

L’intolleranza alla farina è causata dalla reazione infiammatoria ad alcune proteine contenute nel grano, tra cui gli ATI (amilasi/tripsina iniboti). Un’altra causa di intolleranza è il consumo di FODMAP, carboidrati fermentati che contengono grano e provocano sintomi gastro-intestinali.

Intolleranza alla farina: sintomi

Per l’intolleranza alla farina, i sintomi provocati sono simili all’allergia, come nausea, diarrea e crampi allo stomaco, ma la reazione non coinvolge il sistema immunitario bensì solo il nostro metabolismo: in parole più semplici, non riusciamo a digerire ed assimilare in maniera corretta un alimento.

I sintomi dell’intolleranza alla farina si manifestano rapidamente dopo aver mangiato e sono in genere costituiti da segni visibili sul corpo, come dermatite, orticaria, prurito, gonfiore della pelle, oppure crampi, diarrea, nausea, vomito, gonfiore, cefalea di tipo infiammatorio, difficoltà di respirazione, prurito agli occhi e lacrimazione.

donna che soffre di problemi digestivi a causa dell'intolleranza alla farina
logo nutrizione sana biologi nutrizionisti

Perché affidarsi a noi per una dieta per l'intolleranza alla farina è vantaggioso?

Offriamo un servizio specialistico e personalizzato ad un prezzo conveniente..

Seguendo i nostri percorsi alimentari non avvertirai il senso di fame perché avrai a tua disposizione tutti i nutrienti di cui hai bisogno.

Mettiamo gratuitamente a tua disposizione centinaia di ricette gustose e salutari che potrai consultare anche quando avrai terminato il tuo percorso.

I nostri piani alimentari sono fortemente personalizzati per assecondare i tuoi gusti e potrai riscoprire il piacere di mangiare in modo sano e nutriente.

Le nostre prestazioni rientrano nel novero delle prestazioni sanitarie detraibili.

Cosa mangiare per intolleranza alla farina?

Gli allergeni che scatenano l’intolleranza alla farina di frumento sono presenti in tutto il chicco, pertanto è necessario che chi ne soffre eviti la farina bianca, la farina integrale e la crusca, ma anche segale, farro e kamut, che sono alimenti molto simili alla composizione organica del frumento.

Tuttavia, i soggetti che soffrono di intolleranza alla farina di frumento non devono per forza privarsi di alcune specifiche categorie di alimenti come il pane, la pasta o i dolci, poiché possono contare su molte alternative che sono attualmente in commercio.

Il soggetto che soffre di intolleranza alla farina di frumento può mangiare tranquillamente i cibi che contengono glutine ad eccezione del grano stesso.

Intolleranza alla farina bianca: cosa mangiare

Farina senza glutine: di riso, mais, avena, mandorle, cocco.

Quinoa, riso, amaranto e miglio.

Patate.

Legumi e farine derivate.

Carne e pesce non gratinato.

Frutta e verdura, frutta secca, semi.

Uova e latticini.

Oli, grassi, spezie.

Alternative senza grano.

Intolleranza alla farina: alimenti da evitare

Prodotti da forno: dolcetti vari, pizze, fette biscottate, snack salati come crostini e taralli.

Prodotti in scatola: zuppe e legumi, pesce, carni, dado da brodo.

Verdure gratinate, cibi impanati.

Insaccati.

Torte con la frolla, sfogliatelle e torte salate.

Gelati.

Bevande maltate o a base di grano.

Fare attenzione alle etichette dei prodotti se si soffre di intolleranza alla farina, poiché il grano può essere presente anche in cibi di cui non abbiamo il minimo sospetto, come ad esempio la salsa ketchup, il pesto, la liquirizia e le caramelle e la salsa di soia.

Questi accorgimenti non devono essere considerati sostitutivi delle indicazioni del Medico. Per una dieta personalizzata si consiglia di consultare il Nutrizionista.

Il nostro team di nutrizionisti ha le migliori recensioni!
Migliaia di persone si sono già rivolte a noi per seguire un menu settimanale nutrizionista su misura.
S
Silvia Bertolin
12/10/2019
post originale

Grazie alla Dott.ssa Nicoletta Cecchetti ho raggiunto il mio obiettivo. Seguendo il suo piano alimentare, ho imparato ad alimentarmi correttamente senza rinunciare a nulla se non ai kg di troppo. Ho scoperto un nuovo stile di vita a tavola: vario e salutare. Una grande professionista, competente e sempre disponibile per qualsiasi spiegazione.

M
Marina Spirandelli
20/07/2021
post originale

Sono seguita dalla dott.ssa Marta Maerini. Sempre disponibile e di supporto nel mio percorso. Professionale e pronta a rispondere ad ogni esigenza.

scarpa Francesco Scarpa
Francesco Scarpa
29/06/2022
post originale

Sono stato seguito per più di un anno dalla dottoressa Doriana Magliocca, il mio obiettivo non era solo perdere peso ma trovare il modo di mangiare correttamente dovendo lavorare su turni e contemporaneamente allenandomi per la mia prima maratona. Sono stato particolarmente soddisfatto perché sono riuscito a eliminare i chili di troppo senza patire la fame e avendo le giuste energie sia sullo sport che sul lavoro. Consiglio vivamente il percorso a chiunque perché anche se pensiamo di alimentarci correttamente, con uno specialista ti rendi conto che non sempre è così. Grazie mille!

C
Carla Nalesso
28/02/2021
post originale
ruzza Mariaelena Ruzza
Mariaelena Ruzza
12/10/2021
post originale

Bellissimo percorso con la Dottoressa Magliocca, percorso nel quale ho perso 12 kg dopo il parto in estrema serenità , imparando a dare i giusti nutrimenti, nelle giuste quantità al mio corpo. Consigliato al 100%.

OGGI SIAMO APERTI dalle 9:00 alle 20:00. CONTATTACI al 392 11 00 950
This is default text for notification bar