fbpx

Miele: un rimedio naturale dai mille usi!

Pubblicato su: Nutrizione Sana

TAG: , ,

Il miele è davvero un prodotto eccezionale della natura, che merita di essere conosciuto meglio, soprattutto dal punto di vista delle proprietà nutrizionali e benefiche.

Quando si parla di miele è importante ricordare che ne esistono molti tipi, le cui differenze derivano dal diverso polline dei fiori che lo costituiscono.

miele

In commercio si trovano mieli “uniflorali”, che provengono principalmente da un’unica specie botanica, che li caratterizza da un punto di vista della composizione e delle proprietà organolettiche e salutari (per esempio miele di acacia, castagno, tiglio, ecc).

Vi sono poi i mieli “millefiori” ricavati da diverse fioriture, le cui caratteristiche di composizione e sapore variano a seconda delle varie specie usate dalle api.

Ognuno di questi mieli ha colore, caratteristiche e proprietà terapeutiche diverse.

Miele antinfiammatorio

Si sa, nella stagione fredda tosse, raffreddore e infiammazioni alle vie respiratorie sono in agguato… ecco un elenco di mieli utili contro batteri e virus:

corbezzolo: ha un sapore dolce-amaro che ricorda le fave di cacao e il caffè macinato. Particolarmente ricco di antiossidanti, è uno dei mieli più rari e pregiati. E’ un ottimo rimedio contro mal di gola, influenza e bronchite;

miele di timo: è un miele dolce e fruttato. E’ antisettico, fa calmare della tosse efacalare la febbre. Può essere anche utilizzato per contrastare le infezioni delle vie urinarie;

miele di erica: il suo sapore intenso ricorda quello dell’anice. E’ noto per essere un miele ricostituente, utile per la convalescenza dopo l’influenza o altre malattie che lasciano stanchi e deboli. Svolge anche un azione antireumatica;

miele di ginepro: è molto aromatico, con sapore intenso che ricorda gli alberi di montagna. Indicato in caso di bronchite, laringite, faringite, perdita della voce dovuta a colpo di freddo;

miele di eucalipto: di colore ambrato tendente al grigio, il suo sapore ricorda quello del malto, del caramello e della liquirizia. E’ fortemente balsamico, svolge infatti un azione antibatterica e calmante della tosse, favorendone anche l’eliminazione del catarro. E’ ricco di antiossidanti;

miele di melata: di colore ambrato scuro con riflessi rossi e verdastri è un ottimo antisettico polmonare e delle vie respiratorie.

Rimedi per fegato, stomaco e intestino

Il miele sostiene inoltre anche le funzioni epatiche, contrasta il reflusso gastroesofageo e contribuisce alla rigenerazione della flora batterica intestinale.

Per quanto riguarda il fegato, se il miele viene consumato in piccole quantità la sera prima di andare a dormire, fornisce alla ghiandola epatica l’energia necessaria per avviare i processi fisiologici di disintossicazione durante il sonno.

Se invece si soffre di reflusso gastroesofageo o di mal di stomaco, il miele può essere utilizzato come rimedio antiacidità. E’ sufficiente mescolare un cucchiaino di miele (scegliendone uno fra quelli indicati di seguito) in un bicchiere di acqua tiepida e berlo un’ora prima dei pasti.

Per rigenerare la flora intestinale invece, il miglior rimedio è quello di bere acqua calda con disciolto all’interno 1-2 cucchiaini di miele, la mattina a digiuno dopo il risveglio. Previene e cura la disbiosi, ovvero lo squilibrio che si verifica nell’ecosistema batterico dell’intestino, che porta ad una serie di problemi che vanno dalla colite, alla gastrite, alla digestione difficile e alle malattie infiammatorie. In questi casi il miele più indicato è quello di quercia.

I mieli ideali per fegato, stomaco e intestino:

– miele di acacia: è un miele delicato, dal sapore fine e vellutato, di colore chiaro, bianco o giallo chiaro. Ha un’azione disintossicante del fegato, ideale contro l’acidità di stomaco,ha effetto lassativo, utile in presenza di malattie dell’apparato digerente;

miele millefiori: se chiaro ha un sapore delicato, se scuro ha un sapore più deciso con retrogusto amaro. Ha un’azione disintossicante del fegato, è un lassativo e sostiene i batteri buoni dell’intestino;

miele di tiglio: di colore ambrato più o meno scuro ha un sapore fresco, aromatico che ricorda la menta. E’ un calmante del sistema nervoso ed è utile in presenza di gastrite e colite. Inoltre, migliora la digestione, stimola la circolazione sanguigna, aiuta il sonnoedèunottimodisinfettante di bronchi e intestino;

miele di arancia: ha un sapore fruttato, lievemente acido ma gradevole. Favorisce la digestione ed è utile in presenza di gastrite e colite da stress, in quanto agisce anche sul sistema nervoso;

miele di quercia: miele delicato dal sapore che ricorda il caramello. E’ utile in caso di metabolismo lento, disbiosi intestinale e mal di stomaco. E’ ricco di sali minerali, adatto per chi fa sport;

miele di castagno: di colore ambrato, favorisce la circolazione sanguigna, ha azione disinfettante delle vie urinarie e benefica su reni e fegato.

Go Top