fbpx

Back to school: come affrontare il rientro

Per molti oggi sono ricominciate le scuole… orari diversi, ritmi più serrati e tanti impegni: come fare per affrontare al meglio questo rientro?!

I pediatri della SIPPS, Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale hanno redatto un piccolo vademecum di consigli utili per aiutare bambini e ragazzini ad affrontare al meglio il ritorno a scuola… parola d’ordine “regolarità“!

Il vademecum di SIPPS

1. Impostare un orario di sveglia adeguato alla ripresa dell’attività scolastica.
2. Mettere a letto i piccoli prima la sera, perché abbiano un numero di ore di sonno sufficienti a far riposare l’organismo, evitando l’uso di tablet, videogiochi o televisione dopo cena.
3. E’ il momento di abbandonare gli strappi alimentari che hanno caratterizzato il periodo delle vacanze e di tornare a un’alimentazione regolare basata su 5 pasti al giorno, scanditi da colazione, spuntino di metà mattino, pranzo, merenda, cena. Le linee guida più corrette sono quelle della dieta mediterranea, possibilmente con cibi provenienti da coltivazione biologica.
4. Far terminare ai bambini i compiti delle vacanze.
5. Programmare uno stile di vita sano nell’accompagnare il bambino a scuola: sì a percorsi pedonali condivisi, mentre è meglio evitare, se possibile, all’uso quotidiano dell’auto fin sotto i gradini della scuola.
6. Non trasmettera ansia al bambino per l’organizzazione dei tempi e degli impegni;
7. Dedicare un po’ di tempo per ripensare insieme ai piccoli alle esperienze estive, positive e/o negative, per memorizzarle e trasformarli in un patrimonio di ricordi.
8. Coinvolgere il bambino nelle scelte per il nuovo anno scolastico.
9. Riprendere i contatti con i compagni di scuola per ricollegarsi in modo piacevole alla prossima routine scolastica.
10. Pensare all’iscrizione a corsi di sport o di giochi strutturati per l’anno a venire in base alle attitudini del bambino.

Tratto dall’articolo di tgcom24

Alimentazione: un elemento fondamentale

Una buona alimentazione dei bambini rappresenta la migliore prevenzione contro molte malattie dell’infanzia ed è utile per prevenire alcune malattie nell’età della crescita e in età adulta. 

Le corrette abitudini alimentari si apprendono già dall’infanzia, è quindi importante incoraggiare i bambini a seguire una dieta bilanciata fin dalla più tenera età.

3 pasti fondamentali… con 2 spuntini

I tre pasti fondamentali sono colazione, pranzo e cena; ad essi si possono aggiungere due spuntini: uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio.

Un’abitudine importante da far acquisire ad un bambino è quella di fare una buona prima colazione. La colazione è il carburante per affrontare al meglio le attività scolastiche!

merenda scuola

Può essere molto semplice, ma deve essere completa: latte o yogurt, pane (trovate qui una ricetta) o biscotti (evitare però quelli molto dolci), corn-flakes o altri tipi di cereali in fiocchi, frutta fresca o anche frutta secca (noci, nocciole, prugne, mandorle, albicocche, uva passita). Evitare l’abitudine al cornetto ogni mattina.

La merenda di metà mattina, che diamo al nostro bimbo da mangiare a scuola, dovrebbe essere costituita da un panino con formaggio o frutta fresca o uno yogurt. Sconsigliate le merendine preconfezionate, specialmente patatine fritte e dolciumi vari conservati in busta. 

Incoraggiate il più possibile il consumo di frutta fresca!

Anche la merenda del pomeriggio a casa può essere un’ottima occasione per mangiare frutta fresca o secca; potete sfruttare il fatto che siano a casa per preparare qualche ricetta fresca, come ad esempio un frullato (qui una ricetta consigliata).

Zuccheri nei giusti limiti!

Limitate al minimo il consumo di alimenti e bevande dolci nella giornata, per non superare la quantità di zuccheri consentita. 

Tra i dolci preferisci i prodotti da forno della tradizione italiana (biscotti, torte non farcite …), ancor meglio se preparate in casa (qui una ricetta) senza l’aggiunta di additivi/coloranti e conservanti, spesso tossici per la salute, soprattutto per organismi ancora in crescita come i bambini.

Sport: indispensabile per i bimbi

L’alimentazione da sola non basta, anche se corretta e bilanciata: incoraggiate inoltre i vostri bambini a praticare attività sportiva costante, 2 o 3 volte la settimana.

Questo esercizio è indispensabile per una buona digestione e per la prevenzione dell’obesità (oggi in costante crescita anche tra i bambini).

Fondamentale è anche un altro aspetto, che esula dalla nutrizione ma c’entra con lo stile di vita: lo sport è importante per abituare i bambini ad investire tempo in attività sane e socializzanti.

Recensioni

Laura Volpato
Laura Volpato

5 out of 5 stars

posted 2 weeks ago

Ho iniziato il mio percorso con la dottoressa Giulia Morello circa 5 mesi fa.
Iniziando a fare attività fisica in palestra ho avuto un brusco calo di peso, segno che non mangiavo in modo corretto per il tipo di movimento che stavo facendo.
Dopo la visita, la dottoressa Morello ha creato per me un piano alimentare che venisse incontro a tutte le mie necessità, con un aumento progressivo delle calorie e delle dosi, in modo che il mio corpo potesse adattarsi al meglio al cambio di dieta.
Una delle cose che mi piace di più di questo percorso è la varietà di sostituzioni e alternative che mi offre. Rende il tutto più piacevole e meno impositivo, non sembra quindi un dover rispettare una dieta, ma semplicemente un cambiamento di abitudini che mi porta a mangiare in maniera più sana e corretta in base alle mie effettive necessità.
L'ambiente, l'accoglienza e la loro disponibilità rende tutto perfetto. Sono davvero felice di aver intrapreso questo percorso!

Rossano Moracci
Rossano Moracci

5 out of 5 stars

posted 1 month ago

Sono Gabriele Moracci e ho 16 anni.
Circa un anno fa ho iniziato questo mio percorso da Nutrisana ad Albignasego, io sono stato seguito dalla Dottoressa Jessica Terranova. Ho cominciato questo percorso perché dopo aver perso 20 kg, in modo sbagliato, ovvero senza essere seguito da nessuno specialista, ma di testa mia. Questa cosa mi ha rovinato il fisico, facendomi essere sempre stanco e con i muscoli non adatti allo sport che faccio (calcio). Appena cominciato quindi questo percorso con la dottoressa Jessica Terranova, avevo come obiettivo quello di costruire una buona massa muscolare, e tenere bassa invece la massa grassa. In meno di un anno ho raggiunto l’obiettivo di una massa muscolare invidiabile, e una massa grassa intorno al 10% essendo partito da circa il 18%, un traguardo fantastico. La cosa più bella che mi ha insegnato la dottoressa Jessica Terranova è che non si è mai a dieta, ma si sta solamente mangiando bene, quindi lei non ti fa sentire come se fossi a dieta, che comporta il fatto di essere stressati ecc.. ma ti fa sentire solo meglio, insegnandoti a mangiare bene. Mi ha insegnato veramente molte cose, come leggere le etichette degli alimenti e quindi sapere ciò che sto mangiando, e tante altre cose importantissime, quindi ti insegna uno stile di vita. Questo stile di vita ti fa stare bene sia con te stesso, ma soprattutto a livello di salute. Mangiando come mi ha insegnato la dottoressa, non ho mai avuto un infortunio muscolare, ma i miei muscoli hanno sempre risposto al meglio. Inoltre volevo ribadire che consiglio a chiunque la dottoressa JESSICA TERRANOVA, che oltre aver fatto tutto quello che ho detto, è sempre stata disponibile ad ogni cosa, e dopo un po’ diventerà come una amica, la consiglio veramente a tutti, sia professionalmente sia come donna.
Gabriele Moracci

Go Top