Depura il tuo organismo con la bella stagione!

Siamo nel pieno della primavera e insieme alla natura si risveglia anche il nostro organismo che cerca di smaltire le tossine accumulate durante l’inverno e di recuperare energie per la nuova stagione da affrontare.

Effetti indesiderati dell’inverno

Durante l’inverno le basse temperature che fanno rinchiudere spesso in casa, la minor varietà nella scelta di frutta e verdura limita l’assunzione di vitamine e antiossidanti, alcuni fattori esterni, come un maggiore inquinamento atmosferico e i ritmi di vita incostanti, determinano spesso un accumulo di peso, di tossine e un rallentamento del metabolismo energetico.

Ed è proprio per questo che molte persone, al cambio di stagione, avvertono un senso di stanchezza e spossatezza che può durare anche alcuni giorni o addirittura qualche settimana.

L’organismo deve adattarsi al nuovo clima, diverso da quello cui si era abituato durante l’inverno, e si sente quindi affaticato. Anche l’accumulo di tossine può determinare quei classici sintomi del cambio di stagione: mal di testa, difficoltà a prendere sonno, cattiva digestione, minor lucidità di pensiero, ecc., che sono fastidiosi ma che possono essere contenuti con corrette indicazioni alimentari e comportamentali.

Depurarsi in 5 mosse

È meglio dunque ricorrere a un’alimentazione che ripulisca l’organismo da tutte le tossine accumulate durante l’inverno, e l’assunzione di alimenti in grado di stimolare e facilitare l’attività di quegli organi quali fegato, intestino, reni e polmoni che fisiologicamente filtrano ed eliminano queste tossine dal nostro organismo.

1. Acqua

acqua e limoneBere almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno, che corrispondono a 8-10 bicchieri al giorno, per garantire una corretta idratazione e introdurre sali minerali e calcio.

La corretta idratazione è fondamentale per stimolare la funzionalità renale e intestinale. Le acque ricche in magnesio e calcio inoltre, hanno proprietà in grado di aiutare la funzionalità della bile e regolarizzare l’intestino.

Il modo migliore per iniziare la giornata è bere al mattino presto un bicchiere di acqua e limone (se non ci sono problemi di acidità o gastrite, o allergia/sensibilizzazione agli agrumi).

2. Tisane

In alternativa ad acqua e limone, si può optare per tisane depurative o drenanti. Le erbe maggiormente studiate e indicate nel processo di depurazione sono il tarassaco, l’ortica, la curcuma, il finocchio, la betulla, l’aloe e il cardo mariano.

Tisane a base di queste erbe conciliano le proprietà antiossidanti con l’idratazione e saranno fondamentali per purificare un corpo affaticato da troppe scorie.

3. Frutta e verdura

Consumare almeno una porzione di verdura a pranzo e una a cena, preferibilmente fresca e di stagione, e almeno tre frutti di stagione, freschi, anche con la loro buccia lavata accuratamente, meglio lontano dai pasti (merenda a metà mattina + merenda a metà pomeriggio). Solo con le cinque porzioni quotidiane tra frutta e verdura si può fare la giusta scorta di vitamine , sali minerali e antiossidanti.

Per assumere il corretto quantitativo di frutta e verdura è possibile consumare minestroni di verdura, anche surgelati, e spremute, centrifugati o macedonie, ricordando che nel prodotto fresco e crudo permangono maggiori quantità di vitamine. Diventa fondamentale variare sempre i colori di quello che si mette nel piatto (rosso, arancione, verde, bianco, blu, viola) per introdurre tutti gli antiossidanti.

Albicocche, fragole, ciliegie sono ottime per purificarsi, come lo sono asparagi e fagiolini, che a un basso contenuto calorico uniscono la ricchezza di fibre e sali minerali.

La scelta di alimenti biologici, inoltre, aiuta ad evitare cibi trattati con pesticidi, e nei quali potrebbero rimanere residui di metalli pesanti, nocivi se in eccesso nel nostro organismo.

La frutta secca è un alimento ricco di zinco, sali minerali, vitamine e acidi grassi essenziali (omega 3 e 6), ed è utile nella fase di depurazione soprattutto se emergono sintomi come stitichezza e mancanza di energia. Da assumere con moderazione per l’elevato valore calorico, può essere consumata da sola o associata a cereali da colazione o in barretta. Consigliato il suo consumo alla colazione, al mattino.

4. Spezie ed erbe

Le spezie e le erbe aromatiche aiutano l’organismo per più ragioni: in primis, utilizzarle significa limitare il consumo di altri condimenti come grasso e sale (che devono essere moderati, l’uno per l’apporto calorico, l’altro per gli effetti nocivi sul nostro organismo), inoltre, godono di numerose proprietà benefiche grazie al loro alto contenuto di antiossidanti.

Tra le spezie e le erbe aromatiche con maggiori proprietà depurative troviamo l’origano, il prezzemolo, il rosmarino, la cannella, lo zenzero, il cumino e la curcuma.

5. Comportamenti salutari

Il fegato è uno dei principali organi deputati all’eliminazione delle tossine. Per non affaticarlo ulteriormente, evitare prodotti contenenti coloranti e additivi, che richiedono tempo ed energia per essere metabolizzati. Limitare anche gli zuccheri , in particolare quelli semplici (zucchero bianco e dolci) e l’ alcol, perché i loro metaboliti tendono ad accumularsi nel fegato causando patologie come la steatosi epatica .

Una buona digestione aiuta a eliminare le scorie. Per non rallentare la digestione è fondamentale evitare i grassi saturi della carne (in particolare quelli cotti) e i grassi vegetali idrogenati (presenti soprattutto nei cibi preconfezionati di produzione industriale) e rinunciare a pasti troppo elaborati o molto conditi. La distribuzione delle calorie nei diversi pasti aiuta la digestione, pertanto bisogna evitare di saltare i pasti principali (colazione, pranzo e cena) e, anzi, cercare di introdurre due spuntini, uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio, applicando i principi dell’ equilibrata alimentazione .

Il sonno è fondamentale per rigenerare l’organismo e per purificarlo dalle scorie della giornata trascorsa. Pertanto è necessario cercare di raggiungere le 7-8 ore di sonno consigliate per ottenere un riposo rigenerante. Per chi, con l’aumento della luminosità e delle ore di luce legate all’arrivo della primavera, ha difficoltà a prendere sonno è consigliabile fare attenzione ai cibi che si assumono a cena , oltre che evitare di assumere caffè o bevande eccitanti dalle ore pomeridiane in poi e bere una buona tisana prima di coricarsi.

L’intestino è definito il nostro secondo cervello. La flora intestinale gioca un ruolo fondamentale per il benessere del nostro organismo, e nel processo di purificazione. Si può ottenere un’efficace funzionalità intestinale con una corretta idratazione e un’adeguata assunzione di fibra (anche con prodotti integrali) oltre che con l’indispensabile movimento quotidiano. La pelle è uno dei primi organi in grado di manifestare la difficoltà dell’organismo a eliminare le tossine, e lo fa con la comparsa di brufoli o imperfezioni sulla cute. In questo caso, oltre alla corretta igiene della pelle quotidiana, prendiamo atto della necessità di “depurare” il nostro corpo.

L’attività fisica aiuta a espellere le tossine tramite il sudore e la respirazione, ma aiuta anche a liberare la mente, a regolarizzare l’intestino, a smaltire i chili di troppo che trattengono ulteriori tossine. Far lavorare i muscoli, praticare regolare attività fisica aerobica è fondamentale! Ancora meglio è muoversi all’aria aperta, tanto più che la primavera ci regala miti temperature.

Il nostro cervello è il motore di tutto. Anche lui ha bisogno ogni tanto di essere “ripulito” da eccessivi accumuli di stress e tensioni. Per questo è sempre bene dedicarsi a qualche minuto di rilassamento. La respirazione profonda o corsi come pilates e yoga aiutano, come aiuta riconciliarsi con la natura immergendosi nel verde di boschi e prati passeggiando, giocando, sudando e prendendo un po’ di sole.

Go Top