fbpx

Vitamine, tutto quello che c’è da sapere

Le vitamine sono indispensabili alleate della salute, ciascuna con una propria specializzazione. Rafforzano le difese contro le infezioni, prevengono gli stati di anemia, proteggono la vista, danno solidità alle ossa, favoriscono le funzioni del fegato e del sistema nervoso, aiutano la crescita e il rinnovarsi delle cellule. Hanno diversa struttura chimica e azione biologica. L’organismo umano non è in grado di sintetizzarle in modo autonomo, ma le riceve attraverso gli alimenti oppure attraverso i microorganismi nell’intestino: la flora intestinale produce ad esempio la vitamina K e la biotina. La vitamina D invece viene sintetizzata nella pelle con l’aiuto della luce solare.

Le vitamine sono prive di contenuto calorico, funzionano come bioregolatori nell’organismo e partecipano a varie reazioni indispensabili per i processi vitali. Sono definite micronutrienti e grazie a loro l’organismo riesce a metabolizzare, trasformare, digerire e utilizzare i macronutrienti (proteine, carboidrati, grassi).

VITAMINE AL GIORNO D’OGGI

Il vivere nei nostri paesi industrializzati rende però complicato mettersi al riparo sia da carenze marginali, sia da iperdosaggi. I trattamenti industriali e i tempi di distribuzione sottraggono agli alimenti parte delle sostanze nutritive e questo vale soprattutto per le vitamine. Spesso si ritiene necessario ricorrere a quelle sintetiche e ad integratori multivitaminici. Condizioni di carenza hanno dimostrato correlazioni a varie patologie: la pellagra per deficit di niacina, lo scorbuto per mancanza di vitamina C, il rachitismo per la carenza di vitamina D. Ci sono situazioni in cui possono mancare vitamine indispensabili per la salute, come nei regimi dietetici restrittivi, in periodi di stress, gravidanza, menopausa e consumo di alcol.

Possiamo distinguere la carenza come primaria quando l’organismo non riceve una misura sufficiente della vitamina dall’alimentazione; secondaria invece quando è presente una patologia che impedisce l’assorbimento o l’utilizzo della vitamina stessa.

Infatti l’assorbimento è sensibile ai fattori ambientali, al calore, luce, aria, pH e anche alla conservazione degli alimenti.

CLASSIFICAZIONE DELLE VITAMINE

Le vitamine si distinguono in due gruppi:

✓ le vitamine idrosolubili, presenti negli alimenti, sono legate a proteine e il loro rilascio può richiedere un maggior sforzo a livello gastrico.

A questa classificazione appartengono:

  • vitamina C, denominata acido ascorbico, potente antiossidante;
  • vitamine del gruppo B, che partecipano al buon funzionamento del sistema nervoso, energetico (influenzando il metabolismo di carboidrati, proteine, grassi) e alla formazione di ormoni e sostanze regolatrici della crescita:
  • B1 tiamina
  • B2 riboflavina
  • B3 niacina
  • B5 acido pantotenico
  • B6 piridossina
  • B7 biotina
  • B9 acido folico
  • B12 cobalamina

✓ le vitamine liposolubili invece vengono assimilate assieme ai lipidi.

A questa classificazione appartengono:

  • vitamina A, retinolo: importante per la visione, l’espressione genica, la riproduzione, uno sviluppo embrionale proporzionale, la crescita e la funzione immunitaria;
  • vitamina D, calciferolo: favorisce assorbimento di calcio e fosforo, fondamentale per la crescita e rafforzamento di denti e ossa;
  • vitamina E, tocoferolo: rallenta il processo di invecchiamento proteggendo i tessuti corporei dalle reazioni di ossidazione;
  • vitamina K, fitochinone: necessaria alla coagulazione del sangue, prevenendo le emorragie;

Per non far mancare all’organismo queste preziose sostanze è sufficiente alimentarsi con una dieta equilibrata, varia e ricca di cibi freschi: per quanto riguarda i contenuti di vitamine, la dieta mediterranea è ideale. Comunque allo stato naturale, non si trovano soltanto nella frutta e nelle verdure, ma in tutti gli alimenti variamente distribuite. La vitamina A ad esempio si trova in alcune fonti di origine animale, soprattutto nel fegato, nel tuorlo d’uovo, nel latte e nel burro. Nei vegetali sono invece presenti i suoi precursori, i carotenoidi (detti pro-vitamina A), perché nell’intestino si convertono nella vitamina stessa.

Un’alimentazione ricca di questi nutrienti essenziali consente di contrastare l’infiammazione, ridurre il rischio di patologie e prevenirne una deficienza al fine di ottenere un miglior stato di salute.

Dott.ssa
Anjumol Cancian

Biologa Nutrizionista

Richiedi appuntamento

Mi presento, sono la dott.ssa Anjumol Cancian

Vuoi più informazioni su di me? Visualizza il mio video di presentazione, oppure clicca qui.