fbpx

Caviglie gonfie: come ridurre il gonfiore con l’alimentazione

caviglie gonfie che cosa sono

Il gonfiore alle caviglie rappresenta una condizione in cui si ha un accumulo di liquidi nei tessuti delle caviglie e dei piedi. Il gonfiore può essere causato da diverse ragioni.

Ciao, sono la dott.ssa Francesca Ballin, biologa nutrizionista del team di Nutrizione Sana. Molte mie pazienti, in fase di anamnesi, lamentano il gonfiore alle caviglie e mi fanno moltissime domande per sapere come poter curare le caviglie gonfie con l’alimentazione. Per loro e per tutti voi ho pensato di scrivere questo articolo dove andremo ad analizzare in modo approfondito le cause del gonfiore ai piedi e alle caviglie, i sintomi da tenere in considerazione e gli alimenti migliori per ridurre il gonfiore.

Perché si hanno le caviglie gonfie?

Quando si hanno le caviglie gonfie, tecnicamente ci troviamo nella condizione clinica definita “edema delle caviglie”. Questa condizione consiste in un accumulo di liquidi nei tessuti delle caviglie e dei piedi. Le cause che generano le caviglie gonfie possono essere diverse: ad esempio il gonfiore alle caviglie può dipendere da infortuni, problemi circolatori, problemi renali, problemi di salute come l’obesità e la gravidanza, insufficienza cardiaca, problemi alla tiroide oppure da una scorretta alimentazione.

Quando si hanno le caviglie gonfie, i sintomi più frequenti sono il dolore e rigidità / difficoltà nel camminare. 

Tabella dei Contenuti

Curiosità
Simbolo di allerta

Lo sapevi che le donne soffrono di caviglie gonfie molto più degli uomini?

Le caviglie gonfie  si sviluppano maggiormente nelle donne piuttosto che negli uomini perché le donne tendono ad avere una maggiore predisposizione a problemi circolatoriproblemi ormonali, che possono influire sulla ritenzione di liquidi nel corpo.

Inoltre, le donne possono sperimentare fluttuazioni ormonali durante il ciclo mestruale, la gravidanza, l’allattamento e la menopausa, che possono aumentare il rischio di gonfiore alle caviglie.

In gravidanza, in particolare, si riscontra un maggior rischio di avere le caviglie gonfie perché il corpo produce più liquidi per supportare il feto in crescita.

Anche l’allattamento può contribuire al gonfiore delle caviglie a causa dei cambiamenti ormonali che si verificano durante questo periodo. 

caviglie gonfie maternità
combattere le caviglie gonfie passeggiando sull'acqua

Cosa causa le caviglie gonfie

Le cause delle caviglie gonfie sono diverse:

  1. Vene varicose:  sono vene dilatate  che non funzionano correttamente e hanno difficoltà a far circolare il sangue. Questo è causa di un accumulo di sangue nelle gambe e nei piedi, portando cosi ad un gonfiore alle caviglie.

  2. Trombosi venosa profonda (TVP): in questa condizione si ha un coagulo di sangue in una vena profonda delle gambe. Questo è causa di gonfiore e dolore alle caviglie, insieme ad altri sintomi come rossore, calore e sensibilità nella zona interessata.

  3. Insufficienza venosa: è una condizione in cui le valvole delle vene non funzionano correttamente e quindi generano un ristagno di sangue causando le caviglie gonfie.

  4. Linfedema: è una condizione in cui il sistema linfatico non funziona correttamente e il liquido linfatico si accumula nei tessuti del corpo, causando gonfiore alle caviglie.

problemi renali che possono causare le caviglie gonfie possono essere:

  1. Insufficienza renale:  è una condizione in cui i reni non funzionano correttamente e quindi non sono in grado di filtrare i rifiuti dal sangue e di eliminare il liquido in eccesso dal corpo. Questo è causa di gonfiore alle caviglie.

  2. Sindrome nefrosica: a è una condizione renale in cui i reni eliminano grandi quantità di proteine attraverso l’urina e questo è causa di gonfiore alle caviglie.

L’insufficienza cardiaca è una condizione in cui il cuore non pompa abbastanza sangue, questo è causa di un accumulo di sangue nelle vene delle gambe  portando alla formazione di caviglie gonfie. questo può essere causato da un ipertensione venosa, malattie croniche, cardiomiopatia e valvulopatia. 

La stitichezza causa un accumulo di gas nell’intestino e nell’addome, che aumenta la pressione sui vasi sanguigni e sul sistema linfatico. Questo porta ad avere un aumento della pressione che influisce sulla circolazione sanguigna e sulla capacità del sistema linfatico di drenare i fluidi dal corpo. L’accumulo di liquidi può quindi causare gonfiore alle caviglie.

Questa condizione si verifica quando le vene delle gambe non riescono a trasportare il sangue correttamente verso il cuore. Ciò può portare ad avere le caviglie gonfie, insieme ad altri sintomi come vene varicose, dolore e sensazione di pesantezza alle gambe.

Questa condizione si verifica quando un coagulo di sangue si forma in una vena profonda, spesso nelle gambe. Ciò può causare gonfiore alle caviglie, insieme ad altri sintomi come dolore, rossore e sensazione di calore alla gamba interessata.

Questa condizione si verifica quando il sistema linfatico non funziona correttamente, causando un accumulo di liquido nei tessuti circostanti le caviglie. Ciò può causare le caviglie gonfie, insieme ad altri sintomi come ispessimento della pelle e infezioni cutanee.

 

Alcune forme di artrite, come l’artrite reumatoide e l’artrite psoriasica, possono causare gonfiore alle caviglie insieme ad altri sintomi come dolore e rigidità articolare.

 

Un infortunio alla caviglia, crea un  gonfiore della caviglia stessa in quanto si viene a creare una rottura di piccoli vasi sanguigni nella zona interessata. Questo porta all’accumulo di liquidi nei tessuti circostanti, che si traduce in gonfiore.

I problemi alla tiroide possono essere la causa del gonfiore alle caviglie in quanto, la tiroide regola il metabolismo del corpo e gestisce i liquidi. I problemi alla tiroide che possono causare il gonfiore alle caviglie sono:

  1. Ipotiroidismo:  condizione in cui la tiroide non produce abbastanza ormoni tiroidei, di conseguenza questo rallentare il metabolismo del corpo portando ad una ritenzione di liquidi, che può causare il gonfiore alle caviglie.

  2. Ipertiroidismo:  è una condizione in cui la tiroide produce troppi ormoni tiroidei. Questo aumentare il metabolismo del corpo e causa la sudorazione eccessiva, che può portare alla perdita di fluidi e alla disidratazione. Questo meccanismo però , a sua volta, può portare alla ritenzione di liquidi e al gonfiore alle caviglie.

Le infezioni possono essere la causa delle caviglie gonfie perché il sistema immunitario genera una risposta contro i germi che causano l’infezione e quindi questo può portare ad una  dilatazione dei vasi sanguigni e alla permeabilità capillare, portando cosi alla fuoriuscita di fluidi nei tessuti circostanti e alla formazione del gonfiore delle caviglie.

Le infezioni che possono causare il gonfiore alle caviglie includono l’infezione del tratto urinario, l’infezione delle vie respiratorie, l’infezione delle ossa e delle articolazioni, l’infezione della pelle e le infezioni

Uno stile di vita sedentario, è caratterizzato da una scarsa attività fisica regolare, il che può causare il gonfiore alle caviglie per diversi motivi:

  1. Ridotta circolazione sanguigna: la mancanza di attività fisica riduce la circolazione sanguigna nel corpo, comprese le gambe e le caviglie. Questo  portare alla ritenzione di fluidi e al gonfiore delle caviglie.

  2. Aumento di peso: una vita sedentaria può portare all’aumento di peso, il che genera una pressione sulle gambe e le caviglie, portando cosi ad un gonfiore di queste.

  3. Posizione sedentaria o ortostatica prolungata: trascorrere molte ore al giorno seduti o in piedi genera una compressione delle vene delle gambe, il che causa un gonfiore delle caviglie.

  4. Cattiva postura: una postura scorretta può causare un’alterazione della distribuzione del peso sulle gambe e le caviglie, il che può portare alla ritenzione di fluidi e al gonfiore.

Quali sono i sintomi delle caviglie gonfie?

i sintomi delle caviglie gonfie

I sintomi che generano il gonfiore alle caviglie possono essere diversi:

  1. Gonfiore: le caviglie possono apparire gonfie rispetto alla normale dimensione.

  2. Dolore: il gonfiore alle caviglie causa dolore o sensazione di pesantezza nella zona interessata.

  3. Limitazione dei movimenti: il gonfiore alle caviglie può limitare la capacità di movimento delle articolazioni e quindi provoca una sensazione di rigidità.

  4. Prurito: in alcuni casi, quando si hanno le caviglie gonfie, si può avvertire prurito o irritazione della pelle.

  5. Sensazione di calore: il gonfiore alle caviglie genera una sensazione di calore nella zona interessata.

  6. Difficoltà a camminare: in casi gravi, con le caviglie gonfie risulta difficile sia camminare che stare in piedi per lunghi periodi di tempo.

logo nutrizione sana biologi nutrizionisti

Perché è vantaggioso?

Offriamo un servizio specialistico e personalizzato ad un prezzo conveniente.

Seguendo i nostri percorsi alimentari non avvertirai il senso di fame perché avrai a tua disposizione tutti i nutrienti di cui hai bisogno.

Mettiamo gratuitamente a tua disposizione centinaia di ricette gustose e salutari che potrai consultare anche quando avrai terminato il tuo percorso.

I nostri piani alimentari sono fortemente personalizzati per assecondare i tuoi gusti e potrai riscoprire il piacere di mangiare in modo sano e nutriente.

Le nostre prestazioni rientrano nel novero delle prestazioni sanitarie detraibili.

Alimenti che riducono il gonfiore alle caviglie

Nei piani alimentari che sviluppo per i miei pazienti, inserisco spesso diversi alimenti che possono includere nella dieta per ridurre il gonfiore alle caviglie. Ti fornirò ora una lista dei diversi alimenti e del perché riducono il gonfiore alle caviglie.

gli anti ossidanti contenuti nei frutti di bosco contrastano le caviglie gonfie

I frutti di bosco sono alimenti ricchi di antiossidanti naturali. Questi  possono aiutare a ridurre l’infiammazione e il gonfiore alle caviglie, questo perché gli  antiossidanti sono in grado  di neutralizzare i radicali liberi, che sono molecole instabili che possono causare danni alle cellule del corpo e promuovere l’infiammazione.

Inoltre, i frutti di bosco contenendo la  vitamina C, che è anch’essa un antiossidante,  aiuta a prevenire il danno cellulare e l’infiammazione. La vitamina C inoltre produce collagene, una proteina strutturale molto importante, che aiuta a mantenere la salute delle articolazioni e dei tessuti connettivi.

l'ananas contrasta le caviglie gonfie grazie alla bromelina

L’ananas contiene al suo interno una sostanza chiamata bromelina, che ha delle proprietà antinfiammatorie e quindi è in grado di ridurre il gonfiore alle caviglie. La bromelina svolge la sua funzione attraverso l’inibizione di molecole, come prostaglandine e i leucotrieni, che sono in grado di generare gonfiore nelle caviglie.

si possono ridurre le caviglie gonfie grazie ai cetrioli perché riducono la ritenzione idrica

I cetrioli essendo un alimento ricco di acqua, vitamine e minerali aiutano a sgonfiare le caviglie, poiché sono in grado di combattere la ritenzione idrica.  Inoltre, i cetrioli sono una fonte di flavonoidi e vitamine antiossidanti le quali aiutano a prevenire il danno cellulare e l’infiammazione. L’infiammazione causa cosi gonfiore e dolore alle gambe. I flavonoidi possono anche aiutare a migliorare la circolazione sanguigna, che può essere compromessa in caso di gonfiore alle gambe.

le verdure a foglia larga aiutano a ridurre le caviglie gonfie

Verdure a foglia larga , come spinaci, lattuga, rucola e cavolo, sono alimenti ricchi di potassio, magnesio e vitamine antiossidanti, che possono aiutare a ridurre il gonfiore alle caviglie. Infatti il potassio è un minerale che aiuta il corretto funzionamento del sistema nervoso, muscolare e cardiovascolare. Quindi una carenza di potassio genera un gonfiore delle caviglie. Discorso simile per il magnesio, in quanto anche una carenza di magnesio può generare un gonfiore alle caviglie.

le proprietà antinfiammatorie dello zenzero contrastano le caviglie gonfie

Lo zenzero è una spezia che viene utilizzata in molti piatti e anche come rimedio naturale per diverse infiammazioni. Lo zenzero contiene composti attivi, come i gingeroli e gli shogaoli che sono utili per ridurre l’infiammazione e il gonfiore delle caviglie. Inoltre, lo zenzero aiuta a migliorare la circolazione sanguigna. Quindi inserire lo zenzero nella nostra alimentazione, è consigliato in quanto può aumentare il flusso sanguigno, migliorare l’ossigenazione e il nutrimento delle cellule. Quindi avere una buona circolazione sanguigna è importante, poiché cosi si riduce la ritenzione idrica e si previene il gonfiore alle caviglie.

la corretta idratazione riduce il gonfiore alle caviglie

L’acqua è molto importante per il nostro organismo, in quanto riesce mantenere il corretto equilibrio dei fluidi corporei. Quindi bere abbastanza acqua, fa si che l’organismo rimanga idratato e riesca ad espellere i liquidi in eccesso attraverso l’urina e di conseguenza aiuta a tenere le caviglie sgonfie.

Le migliori diete per le caviglie gonfie

Spero di non deludere le tue aspettative: la dieta “miracolosa” per eliminare il gonfiore alle caviglie non esiste, tuttavia esistono strategie dietetiche efficaci per ridurre la ritenzione idrica e, di conseguenza, riducono il gonfiore alle caviglie. Quando nel mio lavoro di nutrizionista preparo un programma alimentare per i pazienti che soffrono di caviglie gonfie utilizzo nei piani alimentari le seguenti strategie:

  1. Dieta a basso contenuto di sodio: l’eccesso di sodio tende a causare ritenzione idrica e di conseguenza a favorire l’insorgere delle caviglie gonfie.
    Riducendo l’apporto di sale nella dieta può aiutare a ridurre il gonfiore alle caviglie. La dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension) è un esempio di dieta a basso contenuto di sodio.

  2. Dieta ricca di potassio: il potassio aiuta a bilanciare i livelli di sodio nel corpo e può aiutare a ridurre la ritenzione idrica e il gonfiore alle caviglie. Alcuni alimenti ricchi di potassio includono banane, avocado, patate dolci, spinaci e fagioli.

  3. Dieta ricca di fibre: la stitichezza può causare gonfiore alle caviglie, quindi una dieta ricca di fibre può aiutare a prevenire questo problema. La dieta mediterranea, che si basa sull’assunzione di frutta, verdura, cereali integrali, legumi e grassi sani come l’olio d’oliva, è un esempio di dieta ricca di fibre.

  4. Dieta a basso contenuto di zucchero: il consumo eccessivo di zucchero può causare infiammazione nel corpo, aumentando il gonfiore alle caviglie. Ridurre l’apporto di zucchero nella dieta può aiutare a ridurre l’infiammazione e il gonfiore alle caviglie.

donna con caviglie gonfie
logo nutrizione sana biologi nutrizionisti

Teniamo a te X davvero!

Spesso è difficile orientarsi nella scelta di un nutrizionista o di un nutrizionista online perché molti professionisti della salute senza scrupoli promettono di farti raggiungere gli obiettivi proponendo delle pratiche prive di fondamenti scientifici oppure vendendo dei prodotti sostituivi di pasti che hanno il solo fine commerciale a discapito della salute di chi assume tali prodotti.

Cosa non faremo per te

Non ti vendiamo prodotti sostitutivi dei pasti.

Non ti consigliamo diete da rotocalco prive di fondamenti scientifici.

Non effettuiamo programmi alimentari che sembrano promettere grandi risultati a discapito della salute e delle corrette abitudini alimentari.

Non applichiamo protocolli che, una volta terminato il percorso, puntano a causare il classico effetto yo-yo per farti ritornare subito dal nutrizionista.

Non ti offriamo la solita dieta.

Cosa, invece, faremo per te

Prima di tutto sarai accolto come persona e terremo sempre conto delle tue esigenze.

Troverai da noi comprensione e sostegno e, se lo ritieni necessario, potrai confrontarti con una psicologa del nostro team!

Se necessario uniremo le nostre competenze per offrirti un supporto d’eccellenza.

I nostri piani alimentari non sono faticosi da seguire.

I nostri percorsi ti insegneranno cosa funziona per te e durante le sedute ti spiegheremo come mantenere nel tempo i risultati raggiunti.

Gonfiore delle caviglie: cibi da evitare

Ho preparato una lista dei cibi da evitare per chi soffre di caviglie gonfie: ti spiegherò il perché è bene evitarli.

gli alimenti ad alto contenuto di sodio favoriscono le caviglie gonfie

Cibi ad alto contenuto di sodio comprendono patatine, cibi precotti, formaggi stagionati e salse. Sconsigliamo di usare tali alimenti in quanto contribuisco ad aumentare la ritenzione idrica poiché sono ricchi di sodio.  Per tale motivo, limitare il consumo di cibi ad alto contenuto di sodio può prevenire il gonfiore alle caviglie. Si consiglia di limitare il consumo giornaliero di sodio a meno di 2.300 milligrammi al giorno.

evitare i cibi grassi e fritti per ridurre le caviglie gonfie

cibi fritti e grassi come piatti fritti, fast food e prodotti da forno che hanno un alto contenuto di grassi. Consiglio di evitarli, in quanto questi aumentano la ritenzione idrica. Essendo questi cibi difficili da digerire, richiedono un maggiore sforzo per la digestione, per cui rallentando il flusso sanguigno aumentano la ritenzione idrica e favoriscono il gonfiore delle caviglie.

le bevande alcoliche favoriscono l'insorgere delle caviglie gonfie

Le bevande alcoliche possono causare il gonfiore delle caviglie per diversi motivi, quindi è bene limitarne l’uso. In primo luogo, le bevande alcoliche aumentano la produzione di urina e possono cosi causare una disidratazione del corpo, questo fa si che il corpo trattiene più liquidi del previsto generando un gonfiore delle caviglie. In secondo luogo, possono influire negativamente sui reni e il fegato, che sono organi interessati a mantenere la regolazione dell’equilibrio idrico. Se tali organi non funzionano correttamente possono causare un gonfiore delle caviglie

i dolci favoriscono l'insorgere delle caviglie gonfie perché aumentano la produzione di insulina

Dolciumi sono alimenti che contengo una grande quantità di zuccheri. Questo fa si, che aumentano i livelli di zucchero presenti nell’organismo. Quando l’insulina viene rilasciata, può innescare la ritenzione di sodio e liquidi nel corpo, il che può portare al gonfiore alle caviglie. Quindi per evitare il gonfiore alle caviglie è bene moderarne il consumo.

i cibi ad alto contenuto di carboidrati come il pane favoriscno il gonfiore alle caviglie

Cibi ad alto contenuto di carboidrati come la pasta bianca, il riso bianco e il pane. Questi alimenti sono sconsigliati in grandi quantità, in quanto generano un aumento dell’insulina e innescano un meccanismo di ritenzione idrica che causa il gonfiore delle caviglie 

Cibi piccanti e speziati  contengono capsaicina e gli oli essenziali, che possono provocare un effetto irritante sui tessuti del corpo, inoltre possono causare un aumento della temperatura corporea e della sudorazione. Questo aumento della temperatura e della sudorazione causa una perdita di liquidi dal corpo, che può peggiorare il gonfiore alle caviglie.

Alimentazione caviglie gonfie

Ora vediamo che tipo di alimentazione seguire per evitare di avere le caviglie gonfie

  1. Limitare il consumo di sale: il sale è causa di ritenzione idrica, quindi limitare il consumo di cibi salati può aiutare a ridurre il gonfiore alle caviglie. Ti consiglio di non superare i 2 grammi di sale al giorno.

  2. Bere molta acqua:  bere molta acqua aiuta a prevenire la disidratazione e a ridurre il gonfiore alle caviglie. Ti consiglio di bere almeno 8 bicchieri di acqua al giorno.

  3. Aumentare il consumo di frutta e verdura : in quanto contengono sostanze nutritive e antiossidanti che aiutano a ridurre l’infiammazione nel corpo e a migliorare la circolazione sanguigna. In particolare, verdure a foglia verde, frutti di bosco, ananas e cetrioli sono particolarmente utili per ridurre il gonfiore alle caviglie.

  4. Scegliere cibi integrali: questi cibi essendo più ricchi di fibre e nutrienti rispetto ai cibi raffinati,  possono aiutarti a prevenire l’infiammazione e la ritenzione di liquidi.

  5. Limitare il consumo di alcol: l’alcol può aumentare la disidratazione e causando gonfiore alle caviglie, quindi è importante limitarne il consumo o evitarlo del tutto.

  6. Mangiare porzioni moderate: mangiare porzioni eccessive causa un aumento di peso e quindi aumenta il gonfiore alle caviglie. Ti consiglio di mangiare porzioni moderate e di evitare di mangiare prima di andare a letto.

Esempio di menù giornaliero per ridurre le caviglie gonfie

Adesso ti forniamo un esempio di menù giornaliero per ridurre le caviglie gonfie. Ci teniamo a ricordarti che, questo è solo un esempio di menù, quindi non è adatto a ogni singola persona e a ogni singola esigenza. Se desideri avere un menù specializzato, contatta il nostro Team di nutrizioniste specializzate, che ti forniranno una visita e stileranno con te un piano alimentare adatto ad ogni tua esigenza.

Colazione:

  • Yogurt magro con muesli e frutti di bosco
  • Tè verde o succo di pompelmo

Spuntino:

  • Un cetriolo con hummus

Pranzo:

  • Insalata di spinaci con petto di pollo grigliato, avocado, cetrioli e pomodori
  • Acqua o tè verde non zuccherato

Spuntino:

  • Ananas fresco o uno spuntino a base di semi di zucca

Cena:

  • Salmone alla griglia con patate dolci e asparagi
  • Insalata verde mista
  • Acqua o tè verde non zuccherato

Prima di dormire:

  • Tisana alla camomilla o infuso di zenzero e limone

Conclusione

la bioimpedenziometria è utilie nell'indagare le cause delle caviglie gonfie
La bioimpedenziometria è utilie nell'indagare le cause delle caviglie gonfie.

Come avrai capito, anche l’alimentazione svolge un ruolo chiave nel ridurre le caviglie gonfie, infatti puoi sfruttare le strategie sulla dieta di cui abbiamo parlato per ridurre l’accumulo di liquidi nel corpo. Ricorda che per avere chiara la tua situazione noi effettuiamo ai nostri pazienti un esame specifico ovvero la bioimpedenziometria che, fornendo indicazioni molto precise sulla distribuzione dei liquidi e sulla loro ritenzione, sarà molto utile nel comporre una dieta specifica per ridurre il gonfiore alle caviglie.

Il nostro team di nutrizionisti ha le migliori recensioni!

Migliaia di persone si sono rivolte a noi per seguire una dieta per ridurre le caviglie gonfie.

M
Massimo Pivetta
07/10/2021
post originale

Sono seguito, nel mio percorso di riduzione del peso, dalla Dottoressa Irene Peretto, competente e preparata, sempre disponibile o per mail o WhatsApp, ha elaborato una dieta su misura che mi permette di ridurre il peso in maniera importante, senza grosse privazioni e senza grandi sacrifici. Vivamente consigliato!

Mirco Mara
03/03/2021
post originale

Dopo un paio di esperienze deludenti ho trovato una nutrizionista che conosce e propone una dieta per sportivi molto attivi, la Dottoressa Cancian si è dimostrata all'altezza delle mie aspettative essendo anche lei una sportiva ad alti livelli. Location non facile da trovare essendo sprovvista di un cartello in strada che ne indichi la posizione essendo sul retro di una macelleria.

P
Patrizia Sturaro
10/03/2023
post originale

Rampazzo Enrica é preparata, molto alla mano e sa ascoltare. Ti fa capire subito che puoi perdere peso senza grosse rinunce. Io soffro di reflusso ed Enrica mi sta aiutando anche in questo. Grazieee

E
Elena Ricci
06/08/2022
post originale

Mi sono rivolta alla Dott.ssa Anjumol Cancian a fine settembre 2021, consigliata da un amico. Il mio obiettivo era di perdere alcuni chili di troppo, accumulati negli anni e soprattutto durante il periodo del lockdown, che ho cercato invano di eliminare da sola. Grazie alla professionalità della dott.ssa Cancian ho intrapreso un percorso alimentare equilibrato, libero nella possibilità di scegliere tra diverse varianti proposte, senza provare mai senso di fame, mangiando paradossalmente più di prima ed avendo sempre le energie per fare tutto. Il piano preparato per me, rispettoso delle mie esigenze e dei miei gusti, ha presto prodotto il suo effetto riducendo progressivamente non solo il peso superfluo che avrei auspicato di perdere, ma anche in modo naturale altri chili e molti centimetri, portandomi con costante entusiasmo a meno 10 kg dal punto di partenza. Abbiamo lavorato anche sulla riduzione della ritenzione idrica di cui soffro da sempre, ottenendo un buon risultato con alcuni semplici accorgimenti alimentari. Soprattutto ho imparato a nutrirmi in modo corretto e a dedicare del tempo a me stessa. Sono pienamente soddisfatta di questo percorso che ormai ho codificato come sana abitudine e davvero grata alla Dott.ssa Cancian che consiglio di contattare a chiunque voglia rinnovarsi come me.

G
Giorgia Pilati
09/07/2020
post originale

Ho iniziato la mia esperienza con Nutrizione Sana insieme alla Dott.ssa Francesca Ballin. Mi son trovata fin da subito molto bene grazie alla sua professionalità, disponibilità e gentilezza. Consiglio assolutamente !!!

Dott.ssa
Francesca Ballin

Biologa Nutrizionista

Contattami

Mi presento, sono la dott.ssa Francesca Ballin

Vuoi più informazioni su di me? Visualizza il mio video di presentazione, oppure clicca qui.
OGGI SIAMO APERTI dalle 9:00 alle 20:00. CONTATTACI al 392 11 00 950
This is default text for notification bar